Caso Bof, Federconsumatori sta con il Comune: "Così funerali a prezzi buoni" - BergamoNews
La polemica

Caso Bof, Federconsumatori sta con il Comune: “Così funerali a prezzi buoni”

Federconsumatori interviene sulla polemica innescata dall’associazione Liberi Imprenditori Associati (LIA) nei confronti dell’Amministrazione comunale di Bergamo “colpevole” di tutelare i Cittadini che si trovano ad affrontare conseguenze anche economiche quando sono colpiti da un lutto familiare.

Forse questi rappresentanti di Imprenditori non leggono i giornali quando (per restare agli ultimi avvenimenti) pubblicano notizie di operazioni di polizia denominate Mondo Sepolto che vedono arrestate 30 persone legate a libere imprese di pompe funebri in quel di Bologna.

Nella nostra città grazie alla lungimiranza di Amministrazioni dal diverso colore politico, che si sono succedute nel corso degli anni, opera la partecipata comunale Bergamo Onoranze Funebri (BOF) che offre servizi funerari in libero mercato a prezzi concorrenziali.

Dove sta lo scandalo? Forse perchè la libera concorrenza è costretta a contenere gli utili quando potrebbe approfittare della debolezza di chi ha altri pensieri in testa che lo stare attento alle spese per il funerale?

All’Amministrazione comunale va il nostro apprezzamento per la sensibilità sociale dimostrata sul caso in questione e, allo stesso tempo, la sollecitazione perché si realizzi quanto sinora soltanto più volte promesso: una sala del commiato e un luogo dedicato alle onoranze funebri “laiche”.

leggi anche
  • Il caso
    Bergamo Onoranze Funebri, la Lia replica a Federconsumatori
    Bof
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it