BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Gorlago dopo l’omicidio: “Ora pensiamo ai 4 bimbi che hanno perso le loro mamme”

Il sindaco Marcassoli: "A scuola stiamo organizzando incontri con psicologi"

I poco più di cinquemila abitanti di Gorlago si conoscono quasi tutti tra di loro. E quasi tutti conoscevano Stefania Crotti e Chiara Alessandri. Due giorni dopo la notizia dell’efferato delitto in cui la mamma di 42 anni è stata uccisa dall’ex amante del marito, anch’essa madre di tre figli piccoli, gli abitanti del paese della Val Cavallina sono ancora sconvolti.

A partire dal sindaco, Gianluigi Marcassoli, che a pochi mesi dal termine del suo mandato deve fare i conti con questa tragedia. “Ci ha colpito un po’ tutti – le sue parole – ancora fatico a commentare la vicenda. Stefania era una persona molto posata. Chiara ha una personalità più spiccata, ma nessuno avrebbe mai pensato potesse fare una cosa simile”.

“Non è facile andare avanti – prosegue – . Ora dobbiamo stringerci attorno alle due famiglie coinvolte in questo episodio. Ci sono quattro bambini che, in un modo o nell’altro, hanno perso la loro mamma. Tra l’altro la figlia di Stefania e il figlio più grande di Chiara erano nella stessa classe, in seconda elementare. Proprio lì alla scuola stiamo organizzando degli incontri con degli psicologi che affronteranno quello che è accaduto”.

Il resto del paese è chiuso in un doloroso silenzio. Caterina Amaglio, titolare della storica e omonima farmacia di piazza Gregis (a una cinquantina di metri dalla villa in cui abita la famiglia Crotti), aveva come clienti sia Stefania che Chiara ed è visibilmente scossa. Preferisce non parlare.

In chiesa, dove sia sabato che domenica è stato organizzato un momento di preghiera, il parroco don Giovanni Locatelli non c’è. Alla messa di domenica ha chiesto compassione. Per strada cammina velocemente una delle due suore del paese. Gentilmente rifiuta di commentare quanto accaduto. China il capo e inizia a pregare: “Signora salvaci, Signore salvaci tu”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.