Mamma di Gorlago uccisa, confessa l'ex amante del marito: "Volevo solo un chiarimento" - BergamoNews
La svolta

Mamma di Gorlago uccisa, confessa l’ex amante del marito: “Volevo solo un chiarimento”

Chiara Alessandri avrebbe raccontato tutto ai carabinieri, domenica mattina

Ha confessato Chiara Alessandri: è stata lei a uccidere Stefania Crotti, la 42enne di Gorlago, madre di una bimba, trovata cadavere in un campo vicino ad Adro – nel Bresciano – nel pomeriggio di venerdì 18 gennaio.

Dopo cinque ore di interrogatorio la Alessandri, 44enne originaria di Rho, ha raccontato tutto agli inquirenti che sabato 19 gennaio l’avevano portata in stato di fermo nel carcere di Brescia con l’accusa di omicidio e distruzione di cadavere.

“Volevo solo un chiarimento” avrebbe detto ai carabinieri la donna accusata del crimine, cercando di spiegare cosa l’avrebbe spinta a voler incontrare la donna che poi avrebbe ucciso.

Il movente, su cui adesso verranno approfondite le indagini, è legato alla gelosia: Alessandri avrebbe avuto una relazione con il marito di Stefania Crotti, colpita in testa – dicono le prime indagini – con una martellata e poi bruciata. Forse, ma sarà l’autopsia e a stabilirlo, quando era ancora viva. Un omicidio avvenuto probabilmente lo stesso giorno della scomparsa della donna.

 

leggi anche
  • Omicidio di gorlago
    Una rosa, un biglietto, un “ti amo”: così Stefania è stata portata bendata alla sua assassina
  • Su whatsapp
    “Ciao, vorrei fare una sorpresa a un’amica”: ecco i messaggi che hanno portato Stefania dalla sua assassina
  • Delitto di gorlago
    Insulti e minacce sui social, chiuso il profilo Facebook dell’omicida
  • L'ultima prova
    Quelle tracce di benzina sul tappetino dell’auto forse inchiodano l’assassina di Stefania
  • Le indagini
    Omicidio di Gorlago: l’orologio della vittima che accusa Chiara Alessandri di mentire
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it