BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La regina Margherita di Savoia in visita al castello di Malpaga: la foto storica donata al Comune foto

Un pezzo unico, datato 1905, è stato donato da un discendente della famiglia Roncalli

Una visita di cortesia, per ammirare le bellezze della Bassa bergamasca e in particolare del castello di Malpaga, il tutto immortalato in un raro scatto donato ora all’amministrazione locale. Lei è la regina Margherita di Savoia, sposa di Re Umberto I, che nel 1905 durante uno dei suoi tanti viaggi lungo la penisola ha deciso di far visita all’antico maniero cavernaghese, all’epoca di proprietà della famiglia Roncalli. Il tour del castello, con tanto di conte Roncalli al seguito nella duplice veste di sindaco del paese e di cicerone, è stato immortalato in una rarissima fotografia che ora, a distanza di oltre un secolo, è stata donata all’amministrazione locale di Cavernago da un discendente della famiglia Roncalli.

“Nel 1905 a Malpaga è venuta a far visita la Regina Margherita – spiega il sindaco Giuseppe Togni -. Di questo avvenimento esiste anche un’epigrafe a memoria di questo evento storico. Nell’ambito del progetto Coglia, legato alla figura di Bartolomeo Colleoni, abbiamo avuto la fortuna di conoscere il pronipote del primo sindaco del ‘900 di Cavernago, il Conte Roncalli appunto, il quale ci ha rivelato di essere in possesso di una rarissima fotografia di questa visita. Questa foto, dal grande valore storico, ci è stata donata nella giornata di lunedì 14 gennaio. Si tratta di uno scatto che ritrae la Regina Margherita di Savoia, in compagnia del Conte Francesco Roncalli, mentre attraversano l’ampia corte interna del castello”.

“Il pronipote di Roncalli – racconta il sindaco – ci ha omaggiati della fotografia e ci ha anche donato una cartolina dell’epoca raffigurante il castello di Malpaga in cui è riportata la frase ‘Malpaga (Bergamo) Castello di B. Colleoni ora dei Conti Roncalli’, questi ultimi – sottolinea il primo cittadino – lontani parenti del Papa buono”.

L’apprezzato dono verrà ora riprodotto in scala più grande ed esposto nelle sale comunali, mentre l’originale verrà custodito in un posto protetto per evitarne il deterioramento: “Ora provvederemo a realizzare una riproduzione 30 per 30 della fotografia – rivela Giuseppe Togni -. Questa riproduzione verrà esposta in una delle sale del Municipio di Cavernago. In questo modo evitiamo che questa immagine, che è comunque storica, si danneggi col tempo. Si tratta di un ulteriore tassello della ricostruzione della nostra storia, che è piena di questi eventi e che merita di essere approfondita e riscoperta”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.