BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La tipografia Canale di Borgaro passa alla Elcograf del gruppo Pozzoni di Cisano

Salvati duecento posti di lavoro nel Torinese

Più informazioni su

La tipografia Canale di Borgaro passa alla Elcograf, controllata del Gruppo Pozzoni di Cisano Bergamasco che ha acquisito il ramo d’azienda della Canale di Borgaro Torinese. Si tratta, come sottolinea una nota diffusa dal gruppo di Cisano Bergamasco, della terza importante operazione societaria realizzata nel 2018 dopo le acquisizioni, sempre attraverso Elcograf, del Nuovo Istituto di Arti Grafiche di Bergamo, a cui fa capo la Eurogravure di Treviglio, e dell’inglese Clays Ltd.

Elcograf acquisisce le attività (dipendenti, macchine e commesse) dell’azienda torinese con un fatturato un fatturato di circa 30 milioni di euro, realizzato operando con impianti rotooffset (due rotative Lithoman di grande formato a 80 pagine) , e non quelle sviluppate in Romania, per un valore della transazione stimato dal mercato in circa dieci milioni di euro. Alla Canale rimangono le passività finanziarie causate dalle difficoltà vissute in questi anni dall’azienda, uscita comunque dallo stato di crisi, dall’utilizzo degli ammortizzatori sociali a rotazione e dal piano per il rientro del debito.

La controllata del Gruppo Pozzoni si è impegnata a riassumere tutti i circa 200 dipendenti dell’azienda di Borgaro Torinese applicando, come già avviene in tutte le aziende del gruppo Pozzoni, il contratto nazionale di categoria e non vecchi strumenti contrattuali di secondo livello o individuali preesistenti. In una seconda fase, verrà preparato un piano industriale e si vedrà come investire sull’azienda e ridurre i costi del lavoro in base alle future, reali esigenze produttive.

Elcograf, sottolinea sempre il comunicato dell’azienda, “malgrado la crisi che da anni attanaglia il settore risponde alle difficoltà continuando in una politica di espansione mirata, ritenendo che la crescita e la concentrazione siano le chiavi per il rilancio in un mercato saturo ma che riserva ancora possibilità di sviluppo”. Grazie all’operazione Canale, prosegue la nota “si conferma leader indiscusso e primo operatore italiano della carta stampata, in forza di una capacità produttiva che non ha alcun termine di paragone sul mercato interno, e sposta al contempo il proprio baricentro verso Ovest, ponendo le basi per un’ulteriore espansione verso il mercato francese”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.