BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Con la nuova Legge, auto elettriche e ibride anche in Piazza Vecchia: “Assurdo”

Comune di Bergamo e Legambiente contro il comma 103 della Legge di Stabilità secondo cui le auto elettriche e ibride potranno entrare in tutte le aree pedonali e ZTL d’Italia

Più informazioni su

Immaginate la scena, mentre state passeggiando sul Sentierone o in Piazza Vecchia, due luoghi simbolo di Bergamo e ad oggi a traffico limitato, vedete sfrecciare accanto a voi una vettura. Fantasia? Ancora per poco, visto che il comma 103 della Legge di Stabilità 2019 approvata a fine dicembre stabilisce che le auto elettriche e ibride potranno entrare in tutte le aree pedonali e ZTL d’Italia.

Una decisione che sta suscitando parecchie polemiche in numerose città, Bergamo compresa: “Siamo sbigottiti – Afferma Stefano Zenoni, assessore alla Mobilità di Palazzo Frizzoni – è una norma che riporta indietro la nostra città e l’Italia intera di decenni, cancellando con due righe, peraltro scritte in modo confusionario, ogni risultato raggiunto su mobilità sostenibile e tutela di piazze e strade delle città italiane, come le nostre via XX Settembre o Piazza Vecchia, solo per citarne un paio”.

“Un conto sono gli sconti e le agevolazioni per questi mezzi – prosegue Zeononi – , un altro è la loro libera circolazione. I numeri sono altissimi e si rischia un’invasione di veicoli in luoghi storici e finora inaccessibili. C’è da considerare anche la sicurezza dei pedoni, visto che queste strade spesso sono strette e difficilmente transitabili in auto”.

“E il tanto decantato federalismo che permetteva a ogni città di prendere le proprie decisioni che fine ha fatto? Speriamo che il Governo faccia marcia indietro e ritiri questa assurdità. Come noi, tante amministrazioni di città italiane, anche guidate dal Movimento Cinque Stelle, sono sul piede di guerra”.

Anche associazioni come FIAB, Legambiente e Salvaiciclisti chiedono un’inversione di marcia al Governo sul comma 103 appena approvato: “Immaginate piazza del Popolo a Roma o piazza del Plebiscito a Napoli, o piazza del Duomo a Milano, o via Maqueda a Palermo, percorse incessantemente da autovetture. Pensate ai centri storici medioevali di Bologna o Firenze, protetti da ZTL già a maglie troppo larghe, invasi dal traffico e parcheggio selvaggio di altre migliaia di macchine in più.

È questo il cambiamento? È davvero il ritorno al passato della motorizzazione che occupa ogni spazio urbano l’unica direzione che si intende prendere per mostrare la “novità”? Dov’è finito l’impegno alla “dieta del traffico”, ossia a togliere auto dalle città per renderle di nuovo vivibili e sicure, sottoscritto da tanti candidati, compreso il vicepremier Di Maio, in campagna elettorale?

Noi siamo convinti che questa norma debba essere cancellata immediatamente, e insieme dovrebbe essere previsto un comma di scuse alla collettività per aver anche solo pensato un orrore del genere. Lo chiediamo con forza e ci aspettiamo rapidità nella correzione”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.