Mame, la prima nata, in casa: sorprende il papà che era al lavoro e rientra di corsa - BergamoNews
A calcinate

Mame, la prima nata, in casa: sorprende il papà che era al lavoro e rientra di corsa

È una bambina bella e sana di tre chili la prima nata del 2019 in Bergamasca: è di origini senegalesi ed è venuta al mondo alle 2.10

È una bambina bella e sana di tre chili la prima nata del 2019 in Bergamasca: è di origini senegalesi ed è venuta al mondo alle 2.10 di martedì 1 gennaio. Sorprendendo tutti: la mamma Fatima era con i parenti a Calcinate (vive a Bolgare) per trascorrere l’ultima notte dell’anno, mentre il papà Mory Thiam, in Italia da 20 anni, che fa il saldatore ma arrotonda con servizi di sicurezza nei locali, si trovava a lavorare a Milano. Dopo mezzanotte le doglie e la nascita in casa, quindi la corsa all’ospedale Bolognini di Seriate dove mamma e figlioletta, che si chiama Mame (nella foto di copertina), sono state ricoverate. E il babbo le ha raggiunte in fretta e furia lasciando Milano per vedere la quarta dei suoi figli, quella appena nata.

È un’altra bimba ed è nata all’ospedale di Alzano Lombardo la seconda nata: Adele, primogenita di Fiorenza Goglio, 30 anni, e Alessandro Annovazzi, 33, di Olmo al Brembo. Ha visto la luce alle 2.20.

Dodici minuti dopo è venuto al mondo un bimbo all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo: è Bilal, figlio di genitori di origine marocchina Khadija di 22 anni e Abdellatif di 31, che vivono a Lallio, pesa 3 chili e 600 grammi e sta bene.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it