BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alunni non residenti esclusi dalla mensa, sfiducia al sindaco: Cenate commissariato

Sette consigliere si dimettono. Berbenni: "Questione etica, orgoglioso di essere caduto così"

Da una lite sulla mensa scolastica a una vera e propria crisi di giunta. Sabato 22 dicembre la maggioranza di Cenato Sotto, escluso il consigliere Antonello Gabbiadini, ha tolto la fiducia al sindaco Giosuè Berbenni. Sette consiglieri su dodici hanno inoltre rassegnato le dimissioni. Il Comune, ora, si avvia al commissariamento.

Il caso è quello dei bambini esclusi dalla mensa perché non residenti in paese. Da ottobre attorno alla questione si era alzato un vero e proprio polverone. Prima undici genitori avevano presentato un esposto al tribunale dei minori, poi il garante per l’infanzia di Regione Lombardia, Massimo Pagani, aveva avviato degli accertamenti per stabilire il rispetto del principio di equità tra residenti e non residenti.

L’ultimo e decisivo capitolo dello scontro è andato in scena durante l’ultimo Consiglio comunale, quando la maggioranza ha votato la mozione del vicesindaco Gianluigi Belotti che chiedeva l’applicazione del regolamento comunale che esclude i non residenti (leggi qui). Una mozione che ha sancito la rottura con il primo cittadino che ha invece votato contro (ecco la sua risposta).

“Sono orgoglioso di aver contribuito a dare valore a un principio di buon senso, basato sull’etica e sulla morale – il commento dell’ormai ex sindaco Berbenni -. Un politico non deve pensare solo alle faccende di casa propria, spesso di miope visione e che vanno contro la logica. Al contrario, deve essere il punto di riferimento della sua comunità. Sono convinto – conclude – che non si possa negare a sette bambini di sei anni (di San Paolo d’Argon e Trescore Balneario, ndr) l’utilizzo della mensa scolastica due volte alla settimana, quando le famiglie pagano e ci sono quarantadue posti liberi nel secondo turno della mensa”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.