BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Nutro dei gatti in condominio: qualcuno me lo può impedire?”: l’esperto risponde

Cosa succede se un condomino dà da mangiare a una colonia felina che si è stabilita spontaneamente? Ecco cosa prevede la legge e tutte le istruzioni.

Più informazioni su

Continua la speciale sezione della nostra rubrica “La buona a(do)zione”, dove un esperto risponde alle vostre curiosità. Se ne avete di particolari, o legate al tema affrontato a inizio settimana, inviateci una mail a bergamonews@gmail.com.

“Da un paio di anni mi occupo di sfamare gatti randagi che si aggirano vicino al condominio. La maggioranza dei vicini non ha problemi ma c’è qualcuno che ogni volte che mi vede mi dice di smetterla perché non vogliono gatti in giro. Possono obbligarmi a non dare più da mangiare ai gatti?”

Buongiorno,

innanzitutto è importante ricordare che i gatti chiamati “randagi”, cioè non di proprietà, liberi e legati ad un qualsiasi territorio o porzione di territorio, sia esso pubblico o privato, sono tutelati dalla legge n. 281 del 14/08/91 in materia di “Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo”, legge regionale n. 33 del 30/12/2009 e il Regolamento regionale del 13/04/17 n. 2 che vieta di maltrattarli o di allontanarli dal loro habitat.

La responsabilità su questi animali è del Comune dove si trova la colonia ma, di fatto, le persone che si occupano della nutrizione e della cura dei gatti sono i cosiddetti “gattari”, cioè, i referenti o tutor di colonia felina.

Le suggeriamo, se non lo ha fatto, di chiedere il censimento della colonia felina di cui ci si prende cura presso l’ATS (ex ASL). La pratica è molto semplice, basta scaricare il modulo di riconoscimento dal sito di ATS Veterinaria, http://www.ats-bg.it/servizi/moduli/moduli_fase02.aspx?ID=875 e stampare due copie: una, va presentata all’ATS Veterinaria e, l’altra, va indirizzata al Comune che deve protocollarla (se ha una PEC -Posta Elettronica certificata- può inviarla per questo mezzo alla PEC del Comune di riferimento).

Una volta censita la colonia, potrà chiedere le sterilizzazioni gratuite ad ATS. Se gradito, potrà, inoltre, rivolgersi ad ENPA Bergamo, per il prestito della gabbia trappola e la degenza gratuita pre e post operatoria, secondo disponibilità.

Non meno importante, grazie a questa procedura, Lei sarà tutelata dalla prospettiva giuridica in quanto responsabile di colonia riconosciuta dalle Autorità.

Quindi, nessuno può vietarle di sfamare questi gatti.

Approfittiamo per ricordarle due accorgimenti fondamentali per gestire correttamente la colonia felina ed evitare problemi con i vicini:

1. Punto cibo
Il cibo deve essere distribuito ad ore fisse, in modo che i gatti consumino subito la loro razione; i contenitori devono essere rimossi quanto prima evitando di lasciarli sotto le auto parcheggiate.
Le eventuali “stazioni di rifornimento”, ove possibile, devono essere collocate al riparo dal sole per evitare decomposizioni e cattivi odori; per evitare questo fenomeno, inoltre, è meglio fornire cibi secchi.
Si deve provvedere sempre affinché ci sia dell’acqua a disposizione degli animali.

2. Sterilizzazione, necessaria alla salvaguarda della salute e ad evitare la crescita incontrollata della popolazione felina. La scelta più corretta è quella di sterilizzare maschi e femmine. La sterilizzazione dei maschi è consigliata per contenere la trasmissione del FIV (immunodeficienza felina) e per evitare gli spostamenti da una colonia all’altra con i rischi connessi (incidenti, lotte per il territorio, etc.).

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.