BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Istituto Leonardo da Vinci

Informazione Pubblicitaria

Scuola media Leonardo Da Vinci: l’innovazione entra in classe fotogallery

L’istituto scolastico scrive una lettera alle famiglie proponendo un nuovo progetto didattico.

Care famiglie,
è giunto ormai il momento di scegliere la scuola secondaria di primo grado e ovviamente, quando si tratta di decisioni così importanti per il futuro del proprio figlio, ogni genitore desidera solo il meglio.

Ecco quindi che vi proponiamo un nuovo progetto didattico nato negli ultimi anni! Stiamo parlando della scuola secondaria di primo grado Leonardo da Vinci che offre un’alternativa concreta alla scuola media tradizionale.

Ci spieghiamo meglio: il percorso di studi rimane lo stesso, garantendo un’ottima preparazione per affrontare con successo qualsiasi futura scuola secondaria di secondo grado, cambia invece la modalità con cui affrontiamo questo percorso.

L’obiettivo di questa Scuola è quello di offrire un ambiente in cui i ragazzi incomincino ad avvicinarsi al mondo delle Superiori senza cancellare, soprattutto per le classi in ingresso, un legame con la Scuola Primaria.

La nostra Scuola si presenta come un intermediario, un “ponte privilegiato” tra il mondo delle elementari e la futura vita da studente nella Scuola Secondaria di Secondo Grado. Sempre più spesso, infatti, la Scuola Secondaria di Primo Grado italiana si dimostra un “mondo un po’ distaccato” che può suscitare un senso di disagio e inadeguatezza in uno studente o in una studentessa che si ritrova in un ambiente completamente diverso rispetto a quello frequentata fino a pochi mesi prima. In questo delicato passaggio dal mondo dell’infanzia all’adolescenza la Nostra Scuola pone una particolare attenzione alla maturazione personale. E questo non è sinonimo di “proseguimento infinito con la Scuola Primaria”, ma di rispetto dei tempi di maturazione di ogni ragazzo e quindi di attenzione e cura, serietà e professionalità, senza mai precludere la qualità e lo spessore della didattica.

La nostra missione è quella di motivare ad apprendere con passione, sviluppare le potenzialità di ognuno e stimolare la partecipazione degli studenti. Come avete letto in precedenza, condividiamo sempre la sfera educativa con la sfera didattica perché siamo fermamente convinti che stare bene a scuola sia la base di un buon e consolidato apprendimento.

La didattica ha una missione tanto importante quanto nobile, ovvero preparare i ragazzi al mondo del futuro; secondo una recente analisi condotta dal Mckinsey Global Institute, riportata dal World Economic Forum, entro il 2050 le intelligenze robotiche sostituiranno 800 milioni di posti di lavoro. All’interno di questo scenario l’educazione che ruolo svolge? La Scuola deve necessariamente potenziare le qualità dei ragazzi, comunemente conosciute come soft skills, risorse che non potranno mai appartenere ad un robot: etica lavorativa, capacità comunicativa e risoluzione dei problemi, creatività, pensiero critico, collaborazione con altre persone, intelligenza emotiva e leadership intesa come autonomia, capacità di prendere decisioni e fiducia in sé stessi.

Nello sviluppare la nostra offerta formativa promuoviamo una costante innovazione didattica che utilizza metodologie attive come lezioni dialogate (in sostituzione alle canoniche lezioni frontali) per elaborare il pensiero critico dell’alunno e l’apprendimento collaborativo, flipped classroom, problem solving e role play. Affrontiamo la programmazione ministeriale proponendo compiti di realtà per approfondire argomenti con esperienze concrete, corredate da ricerche e discussioni. Le materie scientifiche vengono studiate in modo pratico e laboratoriale così da poter essere “sfruttate” non solo sui libri di testo, ma anche nella vita reale. Curiamo lo studio e l’apprendimento della lingua inglese con particolare attenzione, dedicando ben 8 ore settimanali al suo allenamento e potenziamento poiché l’inglese è indispensabile in uno scenario interculturale e globale. E progettiamo……tanto altro ancora.

Se questa introduzione alla scuola vi è piaciuta, vi trovate d’accordo con le osservazioni riportate e volete approfondire questi temi……venite a trovarci agli open day.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.