BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cucina

Informazione Pubblicitaria

Top 10 dei ristoranti di lusso di Tripadvisor, ci sono i Cerea e un “bergamasco bresciano”

Nei migliori locali di classe d'italia, oltre al Da Vittorio di Brusaporto, spunta il Lido 84 dello chef Riccardo Camanini, loverese d'origine

Non piace a tutti (soprattutto ai ristoratori) e qualche volta è pure finito nella bufera per presunte recensioni fasulle. Tripadvisor, però, è uno strumento diventato imprescindibile per milioni di italiani che devono scegliere sotto quale tavolo infilare le proprie gambe per un pasto o in quale hotel dormire lontani da casa.

Ogni anno il portale più cliccato dai viaggiatori rende pubbliche le classifiche delle varie sezioni in cui locali e strutture ricettive vengono divisi, e nella top 10 dei ristoranti di lusso meglio votati dagli utenti attivi ci sono due realtà che interessano Bergamo: il Da Vittorio della famiglia Cerea, una stupenda conferma da tre stelle Michelin per i viaggiatori gourmet, e il Lido 84 dello chef bergamasco Riccardo Camanini che ha sede a Gardone Riviera.

Proprio il locale del cuoco loverese classe 1973 è la grande sorpresa del 2018 di Tripadvisor, perché da assoluta new-entry di questa speciale classifica ha saputo piazzarsi addirittura al secondo posto.

Riccardo Camanini

Riccardo Camanini – che si dice bresciano d’origine ma che, al tempo stesso, non ha mai rinnegato le sue chiare origini bergamasche – è uno degli chef emergenti che più si è messo in mostra negli ultimissimi anni. Il suo locale, il Lido 84, ha una stella Michelin e nell’edizione 2019 della guida rossa avrebbe potuto (secondo molti esperti, anche dovuto) ricevere la seconda. Ma poco importa, dettagli insignificanti per i tanti estimatori del cuoco di Lovere che da mesi stanno riempendo il suo ristorante, dove per una cena servono settimane di attesa dopo aver prenotato.

Tra i suoi piatti più famosi c’è la cacio e pepe servita in vescica di maiale essiccata, mantecata al tavolo davanti al cliente.

Sul gradino più alto del podio c’è la stupenda Villa Crespi di Novara di Antonino Cannavacciuolo (sempre abile a sfruttare anche la spinta data dalla notorietà televisiva), mentre al terzo posto ci sono loro, lustro della Bergamo culinaria, i Cerea – capitanati da Chicco e Bobo – con il Da Vittorio di Brusaporto.

Fuori dal podio (in ordine di “arrivo”) il nuovo tristellato Uliassi di Senigallia, La Pergola di Roma, il Don Alfonso 1890 di Napoli, La bottega del buon caffè di Firenze, l’Ensama Pesce di Bologna, il Ristorante Esplanade di Desenzano del Garda e il Riviera – Ristorante per onnivori di Venezia.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.