"Vivi Internet, al meglio": per usare il web in modo responsabile - BergamoNews
Il progetto

“Vivi Internet, al meglio”: per usare il web in modo responsabile

Il progetto di Google, Telefono Azzurro e Altroconsumo per l’educazione civica digitale arriva nelle scuole lombarde

Vivi Internet, al meglio è la nuova iniziativa, sviluppata da Google in collaborazione con Telefono Azzurro e Altroconsumo, che vuole promuovere la cittadinanza digitale tra i giovani attraverso un percorso formativo che si rivolge ai ragazzi, alle famiglie e agli educatori.

Il progetto mette al centro cinque tematiche di assoluta rilevanza: reputazione online, phishing e truffe, privacy e sicurezza, molestie e bullismo online, segnalazione di contenuti inappropriati. Si tratta di temi la cui importanza viene rilevata quotidianamente da giovani, genitori e docenti. La convinzione è che sia dunque necessario contribuire a rendere la conoscenza di un uso responsabile del web sempre più accessibile a ragazzi, genitori e agli stessi insegnanti, essendo ormai parte della vita quotidiana.

E proprio per gli insegnanti Telefono Azzurro ha collaborato con Google per creare un curriculum che li aiuti ad acquisire competenze fondamentali nelle cinque aree di contenuto alla base di Vivi Internet, al meglio. È partito un roadshow dedicato agli insegnanti della scuola secondaria di secondo grado. Un team di esperti di Telefono Azzurro viaggerà nelle diverse regioni per offrire formazione gratuita, con l’obiettivo di raggiungere oltre 30.000 insegnanti su tutto il territorio nazionale entro il 2020: prima regione a partire la Lombardia.

“Telefono Azzurro garantisce ascolto a tutti i bambini e gli adolescenti da più 30 anni, con una particolare attenzione al mondo del digitale”, dice Ernesto Caffo, Professore Ordinario di Neuropsichiatria Infantile, Università di Modena e Reggio Emilia e Presidente di SOS il Telefono Azzurro Onlus. “Gli insegnanti giocano un ruolo fondamentale nella vita dei bambini e per questo è necessario costruire percorsi di sensibilizzazione e di formazione, che fornisca loro le competenze necessarie per educare gli studenti a navigare in Rete consapevolmente e aiutarli a chiedere aiuto”.

“Essere accanto ai più giovani quando questi interagiscono online e aiutarli a diventare cittadini digitali responsabili è una delle questioni più rilevanti che tutti noi ci troviamo ad affrontare
mentre le nuove generazioni crescono utilizzando Internet – ha dichiarato Giorgia Abeltino, Direttore relazioni istituzionali e affari regolamentari di Google in Italia, Francia, Grecia e Malta. Con questo spirito abbiamo sviluppato Vivi Internet, al meglio: video tutorial, moduli formativi online e sul territorio e consigli strutturati per promuovere i principi base di educazione civica digitale”.

Tutti i docenti e gli istituti che aderiranno all’iniziativa avranno la possibilità di partecipare ad un corso di formazione dal vivo condotto da formatori professionisti di Telefono Azzurro e ricevere un Manuale operativo scritto appositamente per loro che possa fornire conoscenze e strumenti utili da utilizzare con gli studenti.

Ma non è tutto, tutti i docenti avranno inoltre la possibilità di iscriversi anche al corso online disponibile gratuitamente visitando la sezione per gli insegnanti sul sito Vivi Internet, al meglio o visitando questo sito.
L’obiettivo del corso è far sì che tutti gli insegnanti ricevano una formazione aggiornata sui temi del digitale in modo da: riconoscere situazioni problematiche a scuola ed aiutare gli studenti ad adottare il giusto comportamento online; trasferire i medesimi concetti agli studenti nelle loro classi.

La partecipazione alle diverse attività sarà inoltre certificata da Telefono Azzurro in qualità di Ente di formazione riconosciuto dal MIUR con un attestato di frequenza.

Per richieste di iscrizioni, prenotazioni, info contattare:

vivinternet@azzurro.it
www.azzurro.it

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it