Quantcast
Stati generali della scuola digitale, Attias: "Indispensabile per i giovani" - BergamoNews
Il nuovo commissario

Stati generali della scuola digitale, Attias: “Indispensabile per i giovani”

Bergamo è tornata per un giorno, lunedì 26 novembre, la capitale degli “Stati Generali della Scuola Digitale”. L’evento, giunto alla sua terza edizione, si propone di dare continuità al lavoro di condivisione, di riflessione e di dibattito sulle tematiche della scuola digitale iniziato nel 2016.

Due i momenti che hanno caratterizzato la giornata, una sessione plenaria, al Palazzetto dello Sport, con gli interventi di Loredana Poli, Assessore all’Istruzione del Comune di Bergamo, Giorgio Gori, Sindaco di Bergamo, Patrizia Graziani, Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo seguiti dal primo confronto dal titolo “Il digitale oggi, come è cambiata la scuola” al quale ha partecipato Luca Attias, il nuovo Commissario Straordinario per l’Attuazione dell’Agenda Digitale. Per Attias, quella bergamasca, è stata la sua prima uscita pubblica. Con Attias, sono intervenute Daniela Lucangeli, Professoressa di Psicologia dello sviluppo all’Università degli Studi di Padova, e Delia Campanelli, Direttore Generale Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia.

“Un programma intenso e articolato – afferma Loredana Poli – che per una giornata proietta la scuola nel futuro ponendo al centro una riflessione attenta sui temi della didattica e dell’apprendimento, della consapevolezza e degli stili di vita in relazione all’utilizzo di strumenti digitali, con particolare riferimento alle metodologie didattiche e ambienti di apprendimento, inclusione, strumenti di finanziamento e rendicontazione dei progetti, soft skills”.

Nel pomeriggio, la seconda sessione, al Liceo Scientifico Statale “Lorenzo Mascheroni” dove hanno preso il via i tavoli di lavoro a cui hanno partecipato esperti del mondo scuola, delle istituzioni, dei media e delle aziende. La relazione del lavoro svolto nei diversi gruppi di lavoro verrà sintetizzata e consegnata al Ministro della Pubblica Istruzione, a cura dell’Associazione ImparaDigitale e del Comune di Bergamo.

“Tutto ciò – continua Loredana Poli – a partire dalla condivisione dei dati emersi nella ricerca “Digitale si, digitale no. Una ricerca per liberarci da pregiudizi e dipendenze”, nata dall’incontro di Dianora Bardi, Presidente dell’Associazione Centro Studi ImparaDigitale, con Daniela Lucangeli, Presidente del C.N.I.S. e Professoressa all’Università di Padova, che si pone l’obiettivo di definire, da un punto di vista neuroscientifico ed educativo, tutte le criticità e le potenzialità del digitale nello sviluppo dei ragazzi, e di costruire un modello educativo “su misura” del benessere individuale, a partire dai processi di insegnamento/apprendimento in uso.”

L’evento, organizzato da Comune di Bergamo, Ufficio Scolastico per la Lombardia – Ambito Territoriale di Bergamo, Associazione Centro Studi ImparaDigitale, in collaborazione con C.N.I.S. – Associazione Per Il Coordinamento Nazionale degli Insegnanti Specializzati e la Ricerca sulle Situazioni di Handicap e con il patrocinio della Provincia di Bergamo, ha coinvolto Istituzioni, dirigenti, docenti, genitori, professionisti in ambito medico, sanitario ed educativo, aziende, studenti (Università e 4° e 5° anno della Secondaria di II grado), cittadini interessati al cambiamento della scuola. Sono già oltre 1000 gli iscritti.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
scuola digitale
Il 27 novembre
A Bergamo tornano gli Stati generali della Scuola digitale, con Azzolina e Boeri
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI