Italbasket a caccia dei Mondiali 2019, convocato il bergamasco Flaccadori - BergamoNews
In nazionale

Italbasket a caccia dei Mondiali 2019, convocato il bergamasco Flaccadori

A disposizione del tecnico Sacchetti anche Pecchia della Remer

Il commissario tecnico Romeo Sacchetti ha scelto i 16 giocatori azzurri che in questa finestra delle Nazionali proveranno a qualificarsi per i Mondiali di Cina 2019 con due gare di anticipo. L’Italbasket sarà impegnata giovedì 29 novembre a Brescia contro la Lituania – già qualificata – e poi domenica 2 dicembre volerà in terra polacca per affrontare la Polonia a Danzica.

Gli azzurri sono ad una vittoria dalla matematica certezza dalla qualificazione alla rassegna iridata in programma il prossimo anno: se non dovesse arrivare in questa finestra bisognerà attendere febbraio, ovvero quando l’Italia affronterà prima l’Ungheria (il 22 in casa) e poi la Lituania (il 25 in trasferta) nelle ultime due giornate di FIBA World Cup Qualifiers.

Presente nella lista dei 16 Diego Flaccadori, guardia bergamasca di proprietà della Dolomiti Energia Trentino che occupa la 14a posizione nel campionato di Serie A. Non convocato ma a disposizione, invece, un’altra conoscenza del basket bergamasco: si tratta di Andrea Pecchia, guardia/ala classe ’97 che sta trascinando la Remer nel campionato di A2.

Ecco la lista completa dei 16 convocati dal CT Sacchetti: Awudu Abass (Brescia), Pietro Aradori (Virtus Bologna), Paul Biligha (Venezia), Christian Burns (A|X Milano), Leonardo Candi (Reggio Emilia), Ariel Filloy (Avellino), Diego Flaccadori (Trento), Simone Fontecchio (A|X Milano), Alessandro Gentile (Movistar Estudiantes Madrid), Achille Polonara (Sassari), Giampaolo Ricci (Cremona), Brian Sacchetti (Brescia), Amedeo Tessitori (Treviso), Stefano Tonut (Venezia), Luca Vitali (Brescia) e Michele Vitali (MoraBanc Andorra).

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it