BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Anche Bergamo si mobilita contro il disegno di legge Pillon

La Cgil di Bergamo, come tante organizzazioni del territorio, scende in protesta sabato 10 novembre, in piazza Matteotti, per chiedere che il disegno di legge Pillon venga ritirato

Più informazioni su

La famiglia non deve essere un campo di battaglia: per questo la Cgil partecipa in tutt’Italia alle iniziative contro il Ddl Pillon, un disegno di legge che di fatto rende impossibile il divorzio a chi è meno ricco perché le separazioni saranno fortemente disincentivate dagli alti costi imposti dalla mediazione obbligatoria a pagamento.

I figli e le figlie diventeranno ostaggi di un costante negoziato sotto tutela per far funzionare il mantenimento diretto e le donne, la parte in genere economicamente più debole delle coppie, rischiano di restare stritolate dalle nuove misure.

La Cgil di Bergamo, come tante organizzazioni del territorio, scende in protesta sabato 10 novembre, dalle 14 alle 18, in piazza Matteotti, per chiedere che il disegno di legge Pillon venga ritirato e per dire:

NO alla mediazione obbligatoria e a pagamento

NO all’imposizione di tempi paritari e alla doppia domiciliazione/residenza dei minori

NO al mantenimento diretto

NO al piano genitoriale

NO all’introduzione del concetto di alienazione parentale

La mobilitazione coinvolge il movimento delle donne, l’associazionismo democratico, tante realtà della società civile, uomini e donne che da subito si sono espressi contro il disegno di legge su separazione e affido, a livello nazionale con oltre 95.000 sottoscrizioni alla petizione che ne chiede il ritiro lanciata su Change.org da D.i.Re, Donne in rete contro la violenza.

A Bergamo, oltre alla CGIL, hanno aderito: Adesso Donne 3.0, AIAF. AIED Bergamo. Aiuto Donna – Uscire dalla Violenza. ALFI- Lesbichexxbergamo, Arci Bergamo, Arcigay Bergamo CIVES, ArciLesbica Libera Bergamo, Associazione culturale Immaginare Orlando, Associazione fiordiloto contro la violenza sulle donne, Associazione Prometeo, Avvocatura per i Diritti LGBTI – Rete Lenford, Barrio Campagnola, BergamoBeneComune, Bergamo Possibile – comitato “Stefano Rodotà”, Bergamo Pride, Casa Internazionale delle Donne, Collettivo degli studenti Bergamo – Ferruccio Dell’Orto, Conferenza Donne Pd di Bergamo, Consigliera di parità della provincia di Bergamo Isabel Perletti, c.s.a. Pacì Paciana, Donne in Nero Bergamo, Donne per Bergamo x Bergamo per le Donne, Donne socialiste della provincia di Bergamo, equAnime, Kascina Autogestita Popolare Angelica “Cocca” Casile, Liberi e uguali – Bergamo, Maite – Bergamo Alta Social Club, Non una di meno Bergamo, Politeia, Potere al Popolo – Bergamo, @Rifondazione Comunista Bergamo e provincia, SGB CUB Bergamo, UAAR Bergamo, Udi Velia Sacchi, Unione Inquilini Bergamo, USB Bergamo.

Le adesioni rimangono aperte.

Il Ddl Pillon mira a ristabilire il controllo pubblico sui rapporti familiari e nelle relazioni attraverso interventi disciplinari, con una compressione inaccettabile dell’autonomia personale dei singoli.

Ecco perché si dirà NO alla mediazione obbligatoria, perché essa ha come presupposto la scelta volontaria delle parti e relazioni simmetriche non segnate dalla violenza. Nella proposta Pillon, l’obbligo di mediazione viola apertamente il divieto previsto dall’art. 48 della Convenzione di Istanbul, mette in pericolo le donne che fuggono dal partner violento, oltre a generare uno squilibrio tra chi può permettersi questa spesa e chi non può perché non è previsto il patrocinio per i meno abbienti.

NO all’imposizione di tempi paritari e alla doppia domiciliazione/residenza dei minori. Queste misure comportano la divisione a metà dei figli considerati alla stregua di beni materiali. Il principio della bigenitorialità, così applicato, lede il diritto dei minori alla stabilità, alla continuità, e all’espressione delle loro esigenze e volontà, riportando la genitorialità al concetto della potestà sui figli anziché a quello della responsabilità, già acquisito in sede europea e italiana come principio del rapporto genitori/figli.

NO al mantenimento diretto perché presuppone l’assenza di differenze economiche di genere e di disparità per le donne nell’acceso alle risorse, nella presenza e permanenza sul mercato del lavoro, nei livelli salariali e nello sviluppo della carriera. Cancellare l’assegno di mantenimento a favore dei figli dà per scontato che ciascun genitore sia nella condizione di dare al figlio pari tenore di vita. Ciò nella maggioranza dei casi non è vero, come i dati Istat confermano.

NO al piano genitoriale perché incrementa le ragioni di scontro tra i genitori e pretende di fissare norme di vita con conseguenti potenziali complicazioni nella gestione ordinaria della vita dei minori. Non si possono stabilire in via preventiva quali saranno le esigenze dei figli, che devono anche essere differenziate in base alla loro età e crescita. Il minore con il Ddl Pillon diventa oggetto e non soggetto di diritto.

NO all’introduzione del concetto di alienazione parentale proposto dal Ddl che presuppone esservi manipolazione di un genitore in caso di manifesto rifiuto dei figli di vedere l’altro genitore, con la previsione di invertire il domicilio collocando il figlio proprio presso il genitore che rifiuta. E conseguente previsione di sanzioni a carico dell’altro che limitano o sospendono la sua responsabilità genitoriale. Si contrasta così la possibilità per il minore di esprimere il suo rifiuto, avversione o sentimento di disagio verso il genitore che si verifichi essere inadeguato.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.