BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

IVS 2019: “la via delle valvole” di Bergamo pronta a sfidare i cinesi

In programma il 22 e 23 maggio 2019, a Bergamo, l'Industrial valve summit. La fiera internazionale dedicata alle valvole industriali punta ad unire le forze delle nostre imprese per competere con Cina, Usa, India e Medio Oriente, offrendo un sistema integrato e mostrando un compartimento in grado di fornire servizi e prodotti qualificati.

Più informazioni su

La via che da Albano Sant’Alessandro, attraverso Cenate e San Paolo d’Argon porta fino a Trescore Balneario e oltre, per l’alta concentrazione di imprese legate alla produzione di valvole destinate all’industria dell’oil&gas, potrebbe essere ribattezzata la “via delle valvole”.

Un comparto protagonista della Ivs, l’Industrial valve summit, la fiera internazionale dedicata alle valvole industriali, in programma il 22 e 23 maggio 2019 a Bergamo. La scelta del capoluogo orobico come sede della fiera non è casuale, perché proprio qui si concentra il cuore di un distretto industriale che oltrepassa i confini della provincia e racchiude oltre il 90% della produzione nazionale di valvole destinate all’industria dell’oil&gas.

“Sono oltre 100 i costruttori italiani di valvole e attuatori dedicati alla filiera oil&gas – spiega Luca Pandolfi, project manager Ivs-, in gran parte posizionati in Lombardia, il che ha reso quasi naturale la scelta di Bergamo come sede per la fiera”.

La fiera delle valvole, che si tiene ogni due anni, è nata dall’iniziativa di Confindustria Bergamo e da un pool di industrie operanti nel settore delle valvole industriali e componenti: BFE Bonney Forge; Carrara; Soluzioni valvolare LVF; Valvole OMB; Orion e Starline.

“Il 90% degli spazi espositivi della Fiera di Bergamo è già stato prenotato – continua Pandolfi -. L’area espositiva accoglierà più di 250 espositori ricoprendo una superficie di 10mila metri quadrati. All’evento di maggio 2019 sono attesi circa 10mila visitatori, provenienti da 5 continenti e oltre 60 Paesi in tutto il mondo”.

L’evento Think Tank Valve Industry 2019, promosso dall’associazione VALVEcampus (che riunisce le aziende del settore) che ha raccolto giovedì 8 novembre, al Kilometro Rosso di Stezzano, 150 manager di aziende della filiera provenienti da tutto il nord Italia, rappresenta una tappa di avvicinamento alla manifestazione che, giunta alla sua terza edizione, si sta ritagliando un profilo internazionale. Esperti del settore si sono dati appuntamenti per confrontarsi sullo stato dell’arte delle valvole industriali Made in Italy, sulla loro percezione da parte dei buyer internazionali e sul potenziale di riferimento.

Un primo step di avvicinamento a IVS 2019, che vedrà la nascita del progetto della “IVS-VALVEcampus Knowledge Sharing Platform“.“L’obiettivo di Valve Campus (agenzia educativa dedicata alla diffusione delle conoscenze tecniche per le Valvole Industriali e delle loro componenti) – spiega Francesco Apuzzo, tesoriere ValveCampus – è dare continuità alle tematiche delle valvole industriali nel campo dell’informazione, della formazione e della divulgazione scientifica. L’Associazione VALVEcampus organizza corsi di formazione specializzati per tutti coloro che lavorano nel vasto settore “Industrial Valves and Components”, e pianifica anche iniziative formative che toccano temi come HR, finanza, IT, nuove normative etc., con l’intento di diventare sia su suolo italiano che internazionale, il punto di riferimento per coloro che richiedono costantemente formazione e aggiornamento professionale”.

Un comitato scientifico, composto da rappresentanti internazionali di alto profilo provenienti da diversi ambiti industriali, progettuali ed accademici, sarà permanente e curerà Call for Papers rivolti agli esperti dei settori chimico, petrolchimico ed energetico così da arricchire e aggiornare continuamente la Knowledge Sharing Platform. “Invitando a Bergamo i player mondiali del settore – continua Apuzzo – VALVEcampus punta ad unire le forze delle nostre imprese per competere con Cina, Usa, India e Medio Oriente, offrendo un sistema integrato e mostrando un compartimento in grado di fornire servizi e prodotti”.

Sono circa 300 le imprese italiane attive nel comparto, per un valore della produzione di 3.3 miliardi di euro, con un indotto di oltre 15 mila addetti. Il Made in Italy risulta leader del comparto, con il 31% del totale sulla produzione europea, davanti a Germania (26%), Regno Unito (13%) e Francia (11%). La Lombardia pesa per il 77%, con Bergamo che con una ventina di aziende produttrici, 150 considerando l’intera filiera, e 400 milioni di fatturato si ritaglia il 12%. Nel territorio lombardo sono attive anche le più importanti aziende a livello mondiale nella filiera delle valvole industriali: forgiatori, produttori di attuatori, guarnizioni, sistemi di tenuta, rivestimenti e soluzioni di flow control. Numeri che, complessivamente, fanno dell’Italia il principale produttore europeo di valvole per l’industria dell’oil & gas, con leadership assoluta nella valvole a sfera (una ogni due prodotte in Europa è Made in Italy) e posizionata sul podio in tutte le altre tipologie di prodotto (dalle valvole a saracinesca, a quello a globo o di ritegno).

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.