BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Foppolo, fiamme gialle in azione: sequestrate case, terreni, conti e titoli

Per il gip Ilaria Sanesi sono “il prezzo del reato di corruzione”

Quei 480 mila euro, per il gip Ilaria Sanesi, sono “il prezzo del reato di corruzione”. La vicenda è quella della presunta maxi tangente per fare approvare il Piano di governo del territorio di Foppolo. Un piano – mai andato in porto – che prevedeva progetti faraonici attorno agli impianti di sci. Metri e metri di cubature extra, con tutto ciò che ne può conseguire in termini di ricavi economici.

Un filone d’inchiesta basato sui racconti degli indagati, tant’è che nei giorni scorsi era scattato il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per l’equivalente di 480 mila euro nei confronti dell’ex senatore di Forza Italia Enrico Piccinelli (sempre dichiaratosi estraneo ai fatti), dell’ex sindaco di Foppolo Giuseppe Berera e dei fratelli Maria Cristina e Fulvio Boccolini. Quattro dei nove indagati.

I militari della Guardia di finanza hanno sequestrato conti correnti, immobili, terreni e polizze. Nello specifico, a Berera è stata sequestrato il 50 per cento dello chalet di montagna sito in via Moia, a pochi passi dal municipio (secondo la Procura sistemato con i soldi della società Brembo Ski). L’altro 50 per cento è invece intestato alla moglie Roberta Valota. Annessa alla casa c’è anche un’autorimessa, per un valore totale di 230 mila euro.

Ai fratelli Boccolini sono stati sequestrati un immobile, intestato a Maria Cristina, situato a Bergamo, per un valore di 200 mila euro. Mentre a entrambi conti correnti per 30 mila euro. Infine, all’ex senatore Piccinelli, all’epoca assessore provinciale all’Urbanistica, le fiamme gialle hanno sequestrato quattro particelle catastali: terreni ad Albino, in Valle Seriana, ricevuti in eredità. Oltre a 27 mila euro dai conti correnti e 10 mila euro in titoli.

Beni per un milione e 900 mila euro circa erano già stati sequestrati nell’ambito dei precedenti filoni d’inchiesta.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.