Schiacciato dal braccio di un macchinario: 46enne ferito alla Olvan di Lurano - BergamoNews
L'incidente

Schiacciato dal braccio di un macchinario: 46enne ferito alla Olvan di Lurano

Sul posto gli uomini del 118, i carabinieri e l'Ats

Stava operando all’interno della ditta quando, per motivi ancora da chiarire, è stato colpito e poi schiacciato dal braccio meccanico di un macchinario. È successo nella tarda mattinata di giovedì 8 novembre all’interno della ditta Olvan di Lurano, 165 operai e una fiorente attività legata alla produzione di pezzi per importanti marche come Mercedes, Iveco e John Deere.

L’uomo, R.Z., 46enne residente a Badalasco, stava svolgendo la propria mansione nelle vicinanze di una grossa macchina che lavora dei pezzi in metallo e poi tramite un braccio motorizzato li sposta e li sistema in appositi contenitori. Proprio questo braccio, forse a causa di una fotocellula di sicurezza che non ha funzionato, ha colpito l’uomo alla schiena e alla testa, schiacciandolo con forza contro una superficie dura.

Immediati i soccorsi, con alcuni colleghi che hanno allertato il 118 che è intervenuto dopo pochi minuti. L’operaio, sofferente ma cosciente, ha chiesto più volte ai colleghi di avvisare la moglie dell’accaduto, prima di essere trasportato all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo.

Sul posto gli uomini dei carabinieri e l’Ats Bergamo per i rilievi del caso.

Secondo quanto rilevato dai tecnici, l’uomo è un operaio alla pressa di stampaggio, dotata di movimentazione robotizzata: per cause ancora in fase di accertamento è stato colpito dal braccio meccanico che serve per lo spostamento dei pezzi lavorati ma all’arrivo dei medici era comunque sveglio e cosciente.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it