BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Giovine di belle speranze”, in mostra alla Mai il giovane Donizetti fotogallery

Dal 14 novembre la Biblioteca Mai ospiterà la mostra “Donizetti, giovine di belle speranze”

La quarta edizione del Donizetti Opera è ormai alle porte. Dal 22 novembre al 2 dicembre la musica di Gaetano torna in città con vari appuntamenti fra il Teatro Sociale e altri luoghi simbolici della città.

In attesa delle due intense settimane di festival, un momento di convivio nella sede della Fondazione Donizetti è stato occasione per svelare gli appuntamenti in programma del festival.

“Siamo qua grazie a Donizetti – esordisce Francesco Micheli, direttore artistico – Gaetano è stato un compositore ardimentoso. Il primo grande romantico, contro ogni regola. Artisti e cittadini, tutti noi, siamo qui grazie a lui”.

“Sono contento della scelta di titoli poco conosciuti – prosegue Riccardo Frizza, direttore musicale – ma che vi faranno scoprire opere bellissime. Quest’anno sul palco opereranno due registe donne e quattro prime donne, non potrei essere più felice”.

Parte ufficialmente il conto alla rovescia per il festival Donizetti Opera. Ad allietare l’attesa ci saranno alcuni incontri aperti a tutti.

Nel pomeriggio di sabato 17 novembre, al Teatro Sociale di Bergamo, sarà possibile alle prove aperte dei due titoli operistici principali, Enrico di Borgogna e Il Castello di Kenilworth. Dopo la conferenza introduttiva di Paolo Fabbri, Livio Aragona e Federico Fornoni, si potrà assistere alle prove all’italiana di Enrico di Borgogna (ore 16), a cui seguirà la presentazione musicologica dei due titoli e, alle 18, la prova di insieme del Castello di Kenilworth.

Martedì 20 e mercoledì 21 novembre, ore 18, gli under30 potranno assistere alle anteprime delle due opere in programma al Sociale. Per i giovani è previsto un biglietto unico speciale a dieci euro.

Dal 14 novembre la Biblioteca Mai ospiterà la mostra “Donizetti, giovine di belle speranze” e il 29 novembre, dies natali, nella Basilica di Santa Maria Maggiore, verrà eseguita la “Creazione del mondo”, composta da Franz J. Haydn: un omaggio al piccolo Gaetano Donizetti che nel 1809 era fra i cantori che eseguirono la creazione su iniziativa di Giovanni Simone Mayer.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.