I curatori fallimentari

“Foppolo sa ancora attrarre, ma sarà il nostro ultimo esercizio”

Fissata il 29 gennaio la seconda asta per la vendita dei beni

Il comprensorio di Foppolo e Carona? Nonostante le problematiche economiche e giudiziarie “sa ancora attrarre, lo dicono i numeri”. L’avvocato Anna Maria Angelino e i commercialisti Alberto Carrara e Federico Clemente – curatori fallimentari del comprensorio sciistico dell’alta Valbrembana – non si perdono d’animo. Alla vigilia del terzo esercizio provvisorio, l’obiettivo è quello di trovare un imprenditore in grado di rilevare i beni della Brembo Super Ski, l’azienda fallita il 24 febbraio 2017, schiacciata dai debiti e ridimensionata dall’inchiesta della Procura di Bergamo.

“Tra Foppolo e Carona, nell’ultima stagione abbiamo registrato 113 mila primi ingressi – fa notare Carrara -. Sono dati in linea con la media degli ultimi sette anni”. Di questi, spiegano i curatori, oltre 79 mila sono stati registrati a Foppolo: “A Carona siamo invece passati dai 16.600 della stagione 2016/17 ai 33 mila di quella 2017/18”.

Il messaggio che vogliono lanciare è chiaro: la stazione sa ancora richiamare sciatori e turisti. “E generare reddito – puntualizza il commercialista -. Gli incassi della stagione 2017/18 ammontano a un milione e 980 mila euro“. Secondo le stime dei curatori, a parità di ingressi, sono 300 mila euro in più rispetto alla gestione 2015/16: l’ultima prima del fallimento.

“Merito della gestione Salusso (Vittorio, il direttore della stazione, ndr)”, dicono i curatori. E di una politica economica che ha comportato qualche taglio, inevitabile. Un dato su tutti: da 55 i dipendenti sono diventati 16, alcuni assunti a tempo determinato altri a chiamata.

Tornando all’asta, la prima fissata lo scorso 11 settembre è andata deserta. Prevedibile, dopotutto. Si partiva da 6 milioni e 954 mila euro, ma i curatori si erano detti disposti a scendere fino al 25 per cento, cioè 5 milioni e 216 mila euro. Una soglia destinata ad abbassarsi in vista della seconda asta: fino a 3,9 milioni. La data fissata è quella del 29 gennaio.

Oltre al bando principale – con le seggiovie Alpe Soliva, Conca Nevosa e Valgussera e tutta l’attrezzatura necessaria al funzionamento degli impianti – ce n’è un’altro riguardante la vendita dei beni secondari, suddivisi in 14 lotti. In parte terreni e appartamenti, comprende anche la seggiovia biposto sul Piazzale degli Alberghi a Foppolo e la telecabina acquistata in seconda mano da Corvara nel 2013, la stessa che diede origine all’inchiesta. Anche in questo caso, non erano pervenute offerte.

Comunque vada “sarà il nostro terzo e ultimo esercizio provvisorio – chiariscono i curatori -. Il nostro compito è quello di vendere i beni e pagare creditori, ma non ci siamo limitati a questo, tenendo gli impianti aperti e mostrando grande attenzione verso il territorio e i suoi operatori. In vista della stagione invernale – concludono – ci aspettiamo collaborazione da parte di tutti”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Foppolo
La maxi inchiesta
Foppolo, altra tegola: indagato uno degli imprenditori del rilancio
arrestati i sindaci di valleve e foppolo
Guardia di finanza
Caso Foppolo, corruzione: a ex senatore ed ex sindaco sequestrato mezzo milione
Paletti sosta selvaggia procura bergamo
L'inchiesta
Foppolo, riparte la caccia ai piromani
foppolo brembo ski
Alta valbrembana
Brembo Ski, accordo per gestire anche gli impianti di Foppolo: c’è il tariffario
arrestati i sindaci di valleve e foppolo
Per 480mila euro
Foppolo, fiamme gialle in azione: sequestrate case, terreni, conti e titoli
Brembo Ski
Il comprensorio
Stagione della neve, il primo giorno di Foppolo e Carona: “In 600 sulle piste”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI