• Abbonati
Presidente ordine degli avvocati

Prescrizione dei reati? Baldassarre: “Meglio abbreviare i processi”

Il Movimento 5 Stelle ha presentato un emendamento alla Legge “spazza corrotti” che prevede la sospensione dei termini della prescrizione al raggiungimento della sentenza di primo grado. Abbiamo chiesto un intervento ad Ermanno Baldassarre, presidente dell'Ordine degli Avvocati di Bergamo.

Se ne discute da giorni, da quando – sabato 3 novembre – Il Movimento 5 Stelle ha presentato un emendamento alla Legge “spazza corrotti”. La proposta del Movimento 5 Stelle, annunciata dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, prevede la sospensione dei termini della prescrizione al raggiungimento della sentenza di primo grado.
Abbiamo chiesto un intervento ad Ermanno Baldassarre, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bergamo.

“Il tema della prescrizione è di grande delicatezza.

È necessario, prima di ogni altra cosa, rimettere al centro del processo penale l’imputato e la presunzione di non colpevolezza e si deve sottolineare l’esigenza di investimenti economici e interventi procedurali che conservino e rafforzino le garanzie difensive e che scongiurino il rischio di sottoporre l’imputato ad un processo infinito.

Si deve anche sottolineare che il processo penale, purtroppo, a causa delle esposizione mediatiche è, sin da subito, in grado di distruggere l’onorabilità delle persone, ad ogni livello.

È altresì da chiarire che non è certo l’attività difensiva ad allungare i processi, tanto che il 70% delle prescrizioni matura nella fase delle indagini, quando la presenza della difesa è assai limitata e che la causa di tale situazione è ascrivibile alla mancanza di organico dei magistrati, di personale amministrativo, di edilizia giudiziaria adeguata, di strumenti informatici, di carta per le fotocopie.

Il vero problema è la mancanza di investimenti e quindi, prima di intervenire sulla prescrizione bisognerebbe investire e verificare i relativi effetti, anche intervenendo opportunamente sullo stesso processo penale, tema troppo complesso per essere qui affrontato.

Raggiungiamo il risultato di abbreviare i processi. Solo allora si potrà intervenire sulla prescrizione, che a quel punto avrà visto affievolito il proprio compito di strumento teso ad evitare la confisca dell’onorabilità, e non solo, della persona per un tempo indeterminato, lasciato all’arbitrio dello Stato.

È per tali motivi, oltreché di elementare civiltà giuridica, che si dovrà prendere tutto il tempo utile per una profonda riflessione su un tema di questa importanza.

*Ermanno Baldassarre, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bergamo

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI