Treviglio, ritrovati gioielli e trapani rubati: sono vostri? - BergamoNews
Polizia

Treviglio, ritrovati gioielli e trapani rubati: sono vostri?

A.M.E., 40enne cittadino marocchino, era nell'appartamento dove sono stati ritrovati i trapani, in via Colombo: sarà espulso

La Polizia di Stato di Treviglio, nell’ambito dell’attività diretta a prevenire lo spaccio e i furti, ha intensificato i controlli. In particolare nella mattinata di martedì 6 novembre il personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza ha effettuato una perquisizione in via Colombo in un appartamento in ristrutturazione, dove è stata sorpresa una persona di origine marocchine che aveva nel locale 4 trapani nuovi ancora all’interno del cellophane, attrezzi di probabile provenienza furtiva in qualche negozio o magazzino. L’uomo ha negato che fossero nella sua disponibilità.

Accompagnato in ufficio, è stato identificato per A.M.E., 40enne cittadino marocchino, con precedenti per reati contro il patrimonio e gli stupefacenti, già colpito dal provvedimento di espulsione emesso dal Prefetto di Brescia a cui non aveva ottemperato.

Dopo gli accertamenti di rito al fine di attribuire la responsabilità penale, l’uomo è stato accompagnato all’Ufficio Immigrazione della Questura di Bergamo per avviare la procedura di espulsione con accompagnamento alla frontiera.

Nell’ambito dei servizi è stato anche rinvenuto nei pressi della stessa via un collier e un bracciale in oro nascosti in una busta che, come per i trapani, al momento non si è ancora riusciti a risalire ai proprietari. La polizia diffonde le foto al fine di un eventuale riconoscimento da parte degli interessati, che possono presentarsi per il ritiro con la denuncia di furto, presentata logicamente in periodo antecedente al rinvenimento.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it