BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rei Iida, l’atleta 19enne che insegna ai giovani a diventare degli eroi

Una ragazza giapponese che verrà ricordata per la sua forza di volontà

Più informazioni su

Si chiama Rei Iida ed è una giovane ragazza giapponese che verrà ricordata non per la sua giovane età (19 anni) o per la sua velocità, bensì per la forza di volontà che ha trovato nel completare il suo tratto di gara nella maratona a staffetta a Fukuoka.

Rei Iida

Il motivo? Semplice!

La giovane ragazza si è fratturata la gamba destra a seguito di una caduta e nonostante il dolore ha deciso di completare gli ultimi metri della gara procedendo pian piano in ginocchio, per portare a termine ciò che per lei era un dovere incontrastabile con qualsiasi condizione, anche fisica. Il suo intento è stato infatti raggiunto. Con fatica e dolore per la frattura è riuscita a passare il testimone alla sua compagna di squadra dopo aver lasciato lungo l’asfalto il segno della sua sofferenza.

Infatti gli spettatori, oltre a vedere Rei Iida procedere metro dopo metro a gattoni, osservavano anche direttamente la sofferenza della ragazza, erano testimoni delle perdite di sangue sull’asfalto per la sua impresa.

Il video che mostra la vicenda ha fatto il giro del Giappone alzando numerose critiche su di lei, fra chi l’ha vista come una eroina e chi invece, al contrario, l’ha ritratta come una pazza incosciente che avrebbe dovuto ritirarsi dalla gara.

Ciò che è certo è come questa storia possa far riflettere ognuno di noi. Se infatti lei, con la sua giovane età, è riuscita a portare a termina un’impresa atletica seppur con una gamba rotta e perdendo sangue ad ogni metro che percorreva, noi possiamo superare le nostre piccole difficoltà quotidiane (diventando quindi dei piccoli eroi per noi stessi), oppure tracciare dei limiti che ci facciano capire ciò che possiamo o non possiamo fare per salvaguardare noi stessi (senza passare quindi per dei pazzi o degli incoscienti).

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.