Lite violenta tra transessuali, uno preso a bastonate: scatta la denuncia - BergamoNews
Zingonia

Lite violenta tra transessuali, uno preso a bastonate: scatta la denuncia

Un 33enne brasiliano avrebbe picchiato un connazionale probabilmente per questioni riguardanti l’attività di prostituzione “su strada”

Una violenta aggressione ai danni di un transessuale. In poche ore, i Carabinieri di Zingonia hanno identificato l’autore, denunciandolo a piede libero alla Magistratura Bergamasca. Si tratta di un 33enne brasiliano.

L’extracomunitario, già noto alle forze dell’ordine, con un bastone in legno avrebbe picchiato un connazionale 44enne, probabilmente per questioni riguardanti l’attività di prostituzione “su strada”, nella quale entrambi sono coinvolti.

L’accusa è di lesioni personali aggravate dall’utilizzo di un’arma impropria. La vittima ha riportato una ferita lacero-contusa alla testa, con una prognosi di 15 giorni.

Il fenomeno della prostituzione “su strada” in quell’area si è fortemente ridimensionato dopo i numerosi servizi antidegrado e specificatamente antiprostituzione svolti costantemente negli ultimi due anni dai militari della Compagnia Carabinieri di Treviglio, che non si escludono che si possano ripetere anche a breve.

I militari ricordano come la prostituzione sia un fenomeno criminale “partecipativo”, dove la domanda di prestazione da parte di persone comuni sollecita inequivocabilmente l’offerta.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it