Quantcast
Agli arresti domiciliari, rimane senza casa e chiede di andare in carcere - BergamoNews
La strana richiesta

Agli arresti domiciliari, rimane senza casa e chiede di andare in carcere

La curiosa vicenda ha come protagonista un 35enne peruviano che stava scontando una condanna per tentata rapina

Rimane senza casa e dai domiciliari chiede di andare in carcere. La curiosa vicenda ha come protagonista un 35enne peruviano che stava scontando una condanna per tentata rapina nell’abitazione del fratello, a Saronno (Varese). Quest’ultimo, però, da tempo non pagava l’affitto.

Così, nei giorni scorsi è stato sfrattato, e di conseguenza è stato sbattuto fuori dall’alloggio anche il parente sottoposto alla misura restrittiva.

L’uomo venerdì mattina presto, intorno alle 5, si è presentato in questura di Bergamo, ha suonato il citofono e ha detto che voleva essere arrestato e andare in carcere. “Sono evaso dai domiciliari – la frase pronunciata dal 35enne al poliziotto di turno -, non so dove andare. Dovete sbattermi in galera”.

Sul posto sono arrivati gli agenti di una volante, che hanno arrestato il sudamericano con l’accusa di evasione.

“Non ho un alloggio, mi mandi in prigione”, ha detto l’uomo in aula durante il processo per direttissima, spiegando di essere venuto a Bergamo da un’amica.

Il giudice Stefano Storto ha convalidato l’arresto ma ha rimesso in libertà l’imputato. Il sudamericano andrà comunque in cella: è stato accompagnato in Questura, dove i poliziotti hanno avvisato il magistrato di sorveglianza di Milano, che ha immediatamente aggravato la misura degli arresti domiciliare con quella della custodia in prigione. Il processo è stato aggiornato al 17 gennaio.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI