Maltempo, rasa al suolo dal vento la Cattedrale Vegetale di Oltre il Colle - BergamoNews
In val serina

Maltempo, rasa al suolo dal vento la Cattedrale Vegetale di Oltre il Colle

La tempesta che si è abbattuta sulla Bergamasca lunedì 29 ottobre non ha risparmiato la struttura creata dal genio di Giuliano Mauri

Uno spettacolo triste si è presentato davanti agli occhi di chi, martedì 30 ottobre, ha raggiunto il Parco delle Orobie per controllare i danneggiamenti causati dal maltempo il giorno prima: la Cattedrale Vegetale, la struttura fatta di materiali interamente vegetali della zona dell’Alpe Arera, è stata rasa al suolo dai forti venti che per tutta la giornata di lunedì hanno creato danni e disagi in quasi tutta l’Italia, anche nella Bergamasca.

Gran parte dell’opera d’arte è finita a terra, distrutta dalla potenza del maltempo. Solo una piccola porzione della struttura ha resistito ed è rimasta al suo posto.

La Cattedrale Vegetale era stata realizzata nel 2010 grazie a una splendida idea dell’artista Giuliano Mauri, lodigiano classe 1938 morto nel 2009 all’età di 71 anni, che aveva pensato e costruito la stessa opera a Lodi seguendo per filo e per segno l’antica arte dell’intreccio, che prevede l’uso di legno flessibile, picchetti, chiodi e corde.

Un anno dopo la morte di Mauri, il progetto – che ebbe un enorme successo a Lodi – venne “esportato” anche nella Bergamasca e altre due località del nord Italia. Quella di Oltre il Colle è stata la prima Cattedrale Vegetale costruita in mezzo a un bosco vero e proprio.

L’intuizione dell’autore era semplice e chiarissima: secondo Mauri i faggi, crescendo nell’arco dei 20 anni successivi alla costruzione, non avrebbero più avuto bisogno delle ingabbiature che, ormai marce, sarebbero cadute al suolo, liberando la pianta nella sua forma autentica.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it