Esonda il Cherio, protezione civile in campo in Val Cavallina e sul Sebino - BergamoNews
Maltempo

Esonda il Cherio, protezione civile in campo in Val Cavallina e sul Sebino

La protezione Civile, coordinata da Marzio Moretti, è al lavoro sin dalla serata di domenica 28 ottobre.

L’ondata di maltempo e pioggia ha creato scompiglio anche nella zona del Sebino e della Val Cavallina. La protezione Civile, coordinata da Marzio Moretti, è al lavoro sin dalla serata di domenica 28 ottobre.

Il fiume Oglio ha raggiunto un livello di acqua molto elevato e nel comune di Costa Volpino, dopo lo smottamento registratosi nella serata di domenica 28, è stata chiusa la piazzola per l’atterraggio dell’elisoccorso a causa di un allagamento.

A Endine Gaiano è esondato il torrente Fossadone, mentre lungo la Val Cavallina è esondato il fiume Cherio: a Vigano San Martino la strada statale 42 è rimasta bloccata per più di un’ora; sempre a Vigano San Martino si è allagato un ristorante, mentre a Trescore l’acqua ha invaso una ditta.

Inoltre, è stata chiusa anche la strada provinciale che collega Trescore Balneario a Cenate Sopra a causa di un allagamento.

Un blackout generale di corrente si è registrato, oltre che in varie zone della Val Seriana e Val Brembana, anche in alcuni comuni della Val Cavallina: Ranzanico, Cenate Sopra, Rogno e Trescore Balneario. La corrente è mancata per più di un’ora.

Gli operatori della Protezione Civile resteranno operativi per tutta la notte.

leggi anche
  • Il punto
    Il maltempo concede una tregua: intanto si contano i danni, paesi ancora senza corrente
    maltempo treviglio
  • Maltempo
    Paesi isolati e senza elettricità, il duro ritorno alla normalità nella Bergamasca
    Maltempo, danni in tutta la provincia
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it