Alberi caduti a Cavernago, senza elettricità Canonica e Ghisalba chiude la provinciale - BergamoNews
Maltempo

Alberi caduti a Cavernago, senza elettricità Canonica e Ghisalba chiude la provinciale

A Cavernago e Malpaga le infiltrazioni d’acqua hanno mandato fuori uso alcune telecamere dell’impianto di videosorveglianza.

Mentre a Ghisalba è stato imposta la chiusura della ex sp 96 che porta a Cavernago fino alla mattina di martedì 30 in modo da permettere la rimozione di alcune piante cadute.
A Calvenzano asilo chiuso per allagamento, anche se sono scongiurati danni alla struttura.

A Canonica d’Adda il problema principale è stato quello legato alla mancanza di elettricità, con quasi la totalità del paese rimasto senza corrente elettrica per gran parte della giornata. Quasi indenni Arzago d’Adda e Misano di Gera d’Adda, con la protezione civile di quest’ultimo che in serata si è aggregata a quella di Treviglio per dare supporto nelle operazioni. A Casirate d’Adda diversi alberi sono caduti sulla Sp 130 in direzione Cascine San Pietro. Sempre sulla stessa strada due piloni in cemento dell’utenza pubblica sono stati abbattuti dal forte vento, tranciando il cablaggio della fornitura elettrica durante la caduta. Diversi danni anche nell’area denominata Bosco Grosso, con un cascinale in direzione Rivolta d’Adda, in provincia di Cremona, che è stato letteralmente “scoperchiato”.

leggi anche
  • Il punto
    Il maltempo concede una tregua: intanto si contano i danni, paesi ancora senza corrente
    maltempo treviglio
  • Maltempo
    Paesi isolati e senza elettricità, il duro ritorno alla normalità nella Bergamasca
    Maltempo, danni in tutta la provincia
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it