BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’offerta del Comune agli ortodossi: dall’ex cappella dei Riuniti alla chiesa di San Sisto foto

Il Comune di Bergamo ha trovato subito una sistemazione ai cristiani-ortodossi, ex inquilini della chiesetta degli ex Ospedali Riuniti: si tratta dell'attuale sala civica e auditorium nel quartiere di Colognola.

Più informazioni su

“Il Comune di Bergamo darà ai cristiani-ortodossi uno spazio adeguato in cui potersi ritrovare e pregare, in attesa di una sistemazione più definitiva”: il sindaco Giorgio Gori lo aveva promesso nel primo pomeriggio di venerdì 26 ottobre e qualche ora più tardi, in un incontro coi rappresentanti della comunità, una soluzione l’ha proposta.

L’offerta è quella dell’ex chiesa San Sisto di Colognola, oggi sala civica e auditorium: presenti all’incontro c’erano don Patrizio Rota Scalabrini delegato diocesano per l’ecumenismo, padre Gheorge e l’assessore Giacomo Angeloni. Dopo circa un’ora di confronto utilizzo temporaneo della struttura, mentre con la diocesi si cercherà di trovare una sistemazione definitiva.

La sensazione è che la comunità ortodossa abbia gradito l’offerta.

Il caso era esploso giovedì quando, all’apertura delle buste, l’offerta della comunità islamica (un rialzo dell’8% su una base d’asta di 418.700 euro) è risultata superiore a quella della comunità cristiana-ortodossa rumena che da alcuni anni aveva fatto della chiesina degli ex Ospedali Riuniti la propria “casa”: da quel momento si sono rincorse e rimpallate accuse e responsabilità, fino alla richiesta di revoca del bando avanzata dai parlamentari bergamaschi della Lega Nord Alberto Ribolla e Daniele Belotti all’Asst di Bergamo.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.