Il web s'indigna coi Ferragnez per la festa al supermercato, ma tace per vip molto peggiori - BergamoNews
La riflessione

Il web s’indigna coi Ferragnez per la festa al supermercato, ma tace per vip molto peggiori

Perché non viene detto niente a vip che si vantano di utilizzare stupefacenti e che parlano delle donne come bambole utili solo al sesso?

Ieri sera, come tutte le ultime sere, ho fatto la doccia con l’acqua calda, ritirato i panni dallo stendino piegati e lasciati rigorosamente su una delle due sedie affianco alla finestra, ho guardato gli scatoloni (che ancora devo scartare) con occhi stanchi. Dopo una giornata impegnativa tra lavoro studio e burocrazia varia da compilare dopo il mio ultimo trasloco non avevamo voglia di fare più nulla.

Mi sono poi finalmente coricata a letto ed estraendo dal cassetto del comodino il Tablet sono entrata su Instagram, e tra le varie storie inutili dei miei amici ne ho viste alcune più divertenti. Erano le storie in diretta della festa di compleanno a sorpresa per Fedez.

Le prime mostravano qualche invitato nascosto tra gli scaffali di un supermarket, e poi BOOOM SORPRESA, Chiara Ferragni aveva organizzato per il suo neo sposo un party a sorpresa in un Carrefour: tutta notte chiusi dentro il negozio potendo prendere tutto quello che volevano tra cibo, bibite e accessori vari. A quel punto, anche se stanca, la mia mente ha viaggiato indietro di qualche anno, a quando andavo a fare la spesa mano per la mano con la mia mamma (mai piaciuti i seggiolini dei carrelli) e immaginavo, a volte condividendo con lei questi miei pensieri, quanto sarebbe stato bello se per sbaglio fossi restata chiusa tutta la notte dentro il centro commerciale.

Innanzitutto avrei dormito sul letto esposto vicino al reparto cucina, anzi no, non avrei mai potuto dormire sprecando così ore preziose, avrei mangiato tutto quello che trovavo e giocato con tutti i giochi del negozio guardando qualche film su uno degli schermi piatti esposti mentre provavo le pantofole colorate che mamma non mi voleva comprare dicendo che a casa ne avevo già un paio.

Ho continuato con le storie godendomi il divertimento degli invitati a quella festa, invidiandoli anche un po’, sia perché pure io avrei voluto partecipare ad una festa del genere (ma avendo amici poveri e noiosi quanto me lo escludo a priori), sia perché vorrei tanto avere nella mia vita una persona che, come Chiara, possa ritagliare nella sua vita tra lavoro viaggio e un figlio di pochi mesi il tempo da dedicarmi per organizzarmi una festa così.

Scorrendo le storie di Fedez però, con il passare dei minuti, il suo viso da brillo e felice è diventato serio e imbronciato. Da quello che ho capito, infatti, su Twitter stava dilagando la voce che quella festa fosse un esaltazione di ricchezza e mancanza di valori.

I Ferragnez con il passare dei minuti sono stati additati da giornalisti alla ricerca del titolo da copertina, come una famiglia di ricconi senza valori che sprecano cibo e ostentano la loro ricchezza. La coppia ha voluto immediatamente difendersi da queste accuse, specificando sul profilo di entrambi che i giornali stavano enfatizzando quello che era successo e che la festa era, sì fonte di goliardia, ma non era sicuramente una bolgia.

Consapevoli della fortuna che i due hanno avuto nella vita a livello materiale avevano già previsto una grossa spesa di beneficenza in perfetto stile ferragnez dopo la festa, come successo al matrimonio dove hanno invitato i loro ospiti a non acquistare un regalo di nozze, ma a spendere gli stessi soldi per una donazione, senza esserne in alcun modo obbligati.

Se una famiglia così social come i ferragnez che non ha fatto altro che lanciare messaggi positivi, prendendosi le responsabilità e le conseguenze dell’esposizione alla quale si sono sottoposti dev’essere ogni volta attaccata e additata, perché non riserviamo lo stesso trattamento a tutti gli altri?

Ad esempio a quei rapper (per restare in tema) o figure di rilievo che si vantano di utilizzare stupefacenti o di far parte di bande mafiose o dei loro stili di vita squilibrati e che parlano delle donne come bambole utili solo al sesso e a poco altro (nonostante il loro pubblico sia per la maggior parte composto da minorenni): loro vengono ignorati o, peggio, glorificati da molti media e giovani.

E allora, cosa otteniamo? Solo che Fedez decida di cancellare il suo profilo Instagram (verificate voi stessi).

Fotografia di Gossip Fanpage

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it