BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stadio, le curve preoccupano le minoranze: “Mancano certezze sull’altezza”

L'assessore Valesini: "Necessario attendere il progetto esecutivo"

Con il probabile via libera al piano attuativo nel corso della prossima seduta di Consiglio Comunale, il progetto di ristrutturazione dello stadio di Bergamo concluderà il proprio iter amministrativo. Nonostante ciò, l’opera continua a far discutere.

Ad accendere il dibattito – durante la terza commissione consiliare, riunitasi mercoledì 22 ottobre – sono state alcune osservazioni presentate al Piano. Le risposte dell’amministrazione hanno creato qualche perplessità tra i consiglieri, in particolare sull’altezza della nuova struttura: “Siamo molto preoccupati per la modalità con cui verrà calcolata l’altezza delle nuove curve, in quanto quella attuale è di 10,49 metri e quella del tabellone di 19,86; mentre nella documentazione presentata si parla di misure sino a 31 metri. Essendo presente nell’area un vincolo aeroportuale, vogliamo avere la certezza che tutto ciò venga rispettato” osserva la rappresentante della Lega Luisa Pecce, a cui si aggiungono le parole del capogruppo di Sinistra Unita per Bergamo Luciano Ongaro: “Essendo definite le misure dell’edificio solo nel progetto esecutivo, ci piacerebbe avere almeno delle certezze in merito all’altezza minima e massima”.

nuovo stadio

L’assessore alla riqualificazione urbana Francesco Valesini ha sottolineato come la conformazione del nuovo stadio dipenda anche dal rispetto delle norme Uefa: “Non siamo di fronte ad un normale edificio residenziale oppure di uffici, ma piuttosto ad una struttura complessa per il quale, se si ponessero dei vincoli in sede urbanistica, si rischierebbero problemi in seguito. Occorre tenere conto di come, secondo le norme Uefa, sia necessaria una capienza minima di 20.000 posti per poter disputare match europei a cui vanno aggiunti ulteriori spazi di sicurezza richiesti dal questore che porta a una quota di 23.000, motivo per cui abbiamo deciso di porre nel bando di vendita il vincolo su una capienza minima di 25.000 posti. Siccome le tribune sono vincolate, per ottenere questo incremento di posti sarà necessario intervenire sulle curve aumentandone l’altezza, il cui effetto dovrà esser valutato in sede di progetto esecutivo”.

stadio

Giorgio Cavagnis, dirigente responsabile dell’ufficio direzione pianificazione urbanistica del Comune di Bergamo, ha illustrato la posizione dei diversi vincoli aeroportuali posti sull’area: “La quota massima prevista dal vincolo sulla Curva Nord è di 31 metri, che si abbassa a 22 sopra la Curva Sud. Ad oggi l’intenzione dei progettisti è raggiungere l’altezza di 22 metri per la copertura dello stadio, un’altezza che potrebbe crescere di alcuni metri in fase di progettazione; tuttavia, per avere le misure definitive, sarà necessario attendere il progetto esecutivo – illustra l’architetto -. Nel caso la quota prevista dal vincolo venisse superata, sarebbe necessaria una deroga allo stesso oppure si dovrebbe modellare la posizione delle due curve che potrebbero diventare asimmetriche”.

Fra le osservazioni pervenute all’amministrazione, non mancano quelle riguardanti la viabilità dell’area, come nel caso del posizionamento dell’uscita del parcheggio sotterraneo su via dei Celestini e di quello sulla costruzione di due rotatorie agli incroci fra le vie Crescenzi, Lazzaretto e Marzabotto: “Per il primo esempio valuteremo in sede di progetto la possibilità di trovare una soluzione alternativa, tendendo presente che nell’area è già stata riscontrata una problematica simile per il parcheggio a raso – conclude l’assessore alla Mobilità Stefano Zenoni – per il secondo considereremo se sarà possibile mantenere le corsie di uscita già presenti lungo la via oppure no”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.