BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bombassei, Fornero, Cottarelli, Profumo… protagonisti di “Bergamo Città Impresa” foto

La manifestazione comprenderà 31 appuntamenti divisi suddivisi nelle giornate di venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 ottobre

Saranno le imprese e le nuove sfide per l’Italia e l’Europa al centro della seconda di “Bergamo Città Impresa”, edizione autunnale del “Festival dei Territori Industriali” presentata a Bergamo nella mattinata di mercoledì 17 ottobre e che vedrà coinvolto il capoluogo cittadino dal 26 al 28 ottobre.

Il Festival , promosso da ItalyPost con Comune e Provincia di Bergamo, Camera di Commercio e Università cittadine, sarà anticipato da due appuntamenti, uno in programma domenica 21 ottobre all’interno del programma di BergamoScienza, giovedì 25 ottobre all’Aeroporto “Caravaggio” di Orio al Serio.

A partire da venerdì 26 la kermesse entrerà nel vivo con 31 appuntamenti divisi nei tre giorni e che vedranno protagonisti numerosi relatori di valore nazionale e internazionale, fra i quali spiccano i nomi dell’amministratore delegato di Leonardo Alessandro Profumo, del patron di Brembo Alberto Bombassei, dell’ex ministro del lavoro Elsa Fornero che nella giornata di venerdì 26 ottobre si confronterà con il presidente del Centro Studi Ricerche Itinerari previdenziali Alberto Brambilla sul tema delle pensioni; mentre la manifestazione si chiuderà domenica 28 ottobre al Kilometro Rosso con l’ex commissario alla spending review Carlo Cottarelli, il quale dialogherà con il presidente del Consiglio di Sorveglianza di Ubi Banca Andrea Moltrasio sul rapporto fra il nostro paese, la sua situazione e il mondo europeo. Attesa anche una lectio magistralis di Ferruccio de Bortoli, editorialista del Corriere della Sera.

“Il Festival proverà a esprimere la voce sia esponenti locali che nazionali affinché si possano comprendere le nuove dinamiche a cui va incontro l’economia e affinché da una parte si possano conoscere individualità bergamasche, dall’altra affinché i bergamaschi possano interagire con speaker di livello nazionale – spiega Dario Di Vico, direttore di “Bergamo Città Impresa” -. Fra le attività inserite nel corso della tre giorni avremo modo di analizzare la ricerca svolta da Aldo Cristadoro sul flusso di merci e persone a Bergamo, di porre l’attenzione sul tema dell’istruzione tecnica e, in collaborazione con l’Università, ci occuperemo dei legami culturali e economici presenti fra la Lombardia e la Germania, in particolare nel settore dell’automobilismo. Oltre a tutto ciò vi sarà un omaggio a Sergio Marchionne, per poter ricordare quanto ha fatto, ma anche per poter riflettere sul suo operato”.

“Bergamo Città Impresa” non sarà soltanto un festival dedicato agli operatori del settore, ma anche ai giovani, come illustra Andrea Moltrasio: “Il festival si rivolge anche ai gruppi di giovani che giungeranno per l’evento poiché sono loro gli interlocutori di questo approfondimento culturale. Ci troviamo di fronte ad un periodo storico – culturale difficile, uno dei momenti più dei momenti più delicati di questi anni che ha reso complesso poter trovare degli ambiti in cui scambiarsi opinioni e aver modo di ragionare,tuttavia l’importante è osservare le diverse lunghezze d’onda che interessano questa città”.

Come anticipato al centro della manifestazione vi sarà anche Bergamo e il suo territorio, una città posta al centro di un distretto economico importante che, nonostante ciò, continua a guardare al futuro: “La nostra città presenta un’economia che funziona bene, come dimostrano i dati riguardanti l’export e quelli in merito alle città intelligenti, dove ci classifichiamo al quinto posto, migliorando così di una posizione rispetto allo scorso anno; ma anche al tempo stesso ponendoci al secondo posto per solidità economica dietro soltanto a Milano – sottolinea Giorgio Gori, sindaco di Bergamo -. All’interno di tutto ciò da qualche anno stiamo lavorando insieme alla Camera di Commercio in un tavolo di riflessione promosso da Ocse dove stiamo provando a disegnare lo sviluppo di questa comunità: abbiamo messo a fuoco delle azioni da svolgere collocandole tempo, per cui il Festival sarà in qualche modo una narrazione pubblica di quanto noi facciamo tutti i giorni”

Numerose le autorità presenti alla presentazione, fra le quali il presidente della Camera di Commercio di Bergamo Paolo Malvestiti, il direttore generale di Sacbo Emilio Belingardi e il presidente di Confindustria Bergamo Stefano Scaglia che ha sottolineato l’importanza di questo momento di confronto dedicato alle imprese: “Ci troviamo in un momento complicato, dove si parla molto attraverso le ideologie, per cui è importante avere uno spazio dove confrontarsi con personalità competenti che possano permettere di maturare idee fondate e oggettive. Durante il Festival vi sarà modo di affrontare temi come l’istruzione tecnica, il rapporto delle nostre imprese con la Germania e con l’Europa e credo che in merito a ciò sia fondamentale ricordare il rapporto che abbiamo con quest’ultima e che al tempo stesso va preservato, come è fondamentale continuare a puntare su un mercato aperto dove le nostre imprese hanno già dimostrato di esser competitive. Stiamo facendo passi in avanti, tuttavia dobbiamo esser sempre tempestivi”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.