Quantcast
Dopo la morte del compagno Luigi, più ore a scuola con la psicologa: "Dal dolore un insegnamento" - BergamoNews
Gazzaniga

Dopo la morte del compagno Luigi, più ore a scuola con la psicologa: “Dal dolore un insegnamento” fotogallery video

Il progetto d'ascolto dell'Isiss Valle Seriana quest'anno anticipato di tre settimane. La referente: "Fare finta di nulla è un errore"

C’è chi rivive spesso il momento dell’incidente. E chi, quando prende il pullman, non si sente più al sicuro come prima.

Sono passate diverse settimane da quel tragico lunedì 24 settembre, quando nel piazzale della stazione di Gazzaniga il 14enne Luigi Zanoletti ha perso la vita in seguito allo scontro tra due bus, ma lo sgomento tra gli studenti è ancora forte. Motivo che ha spinto l’Isiss Valle Seriana a mettere in campo alcune misure in supporto dei ragazzi (il giovane frequentava la prima liceo scientifico dell’istituto, che si trova a pochi passi dal luogo dell’incidente).

Martedì 16 ottobre prenderà il via il servizio “Spazio Ascolto”, organizzato dalla scuola in collaborazione con il Consultorio Valseriana. Lo sportello è affidato a uno psicologo esterno e coinvolge altri cinque docenti con formazione specifica. Quest’anno però – a differenza di quelli passati – l’inizio del servizio è stato anticipato di tre settimane e le ore aumentate.

“Il servizio è attivo già da qualche anno, ma quanto successo il mese scorso ha influenzato la nostra decisione – spiega il preside Alessio Masserini -. L’obiettivo è quello di fornire agli studenti gli strumenti idonei a leggere l’accaduto”.

In totale, sono circa 1.300 quelli che frequentano l’istituto di via Marconi e che, se lo vorranno, potranno prenotare una seduta individuale di mezz’ora e usufruire del servizio: basterà recarsi in segreteria e segnare la propria richiesta sul registro degli appuntamenti. Ad occuparsi del progetto sono la psicologa Margherita Giovarruscio e i docenti Simona Martinelli, Elena Gamba, Elisabetta Cosseddu, Alessandra Dalla Betta e Giulia Piccinini.

“Quanto successo ha messo gli studenti di fronte a domande che il più delle volte compaiono in età adulta, o comunque in altri momenti della vita – le parole della referente Simona Martinelli -. Si sono dovuti confrontare con l’idea che nella vita non tutto è controllabile, per quanto ci si possa sforzare e impegnarsi. È una lezione che può spaventare”.

Secondo la docente “non parlarne o fare finta di nulla è comunque un errore. Alcuni studenti sono spaventati da quanto hanno visto e possono averne risentito in termini di trauma da stress. Quello che ci confideranno – conclude – resterà segreto. In questo caso non ci sono né voti né giudizi”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Luigi, morto tra i bus: il dolore dei compagni
La lettera
Tragedia Gazzaniga, la scuola di Luigi: “Ci accusano, ma il problema non siamo noi”
Morto a 14 anni tra i bus a Gazzaniga, nuove immagini
Lo scontro tra bus
Tragedia di Gazzaniga, la versione dell’autista: guardava nello specchietto
Camminata per Luigi Zanoletti
La manifestazione
Da Gazzaniga a Bergamo, in marcia per Luigi: “Perché tragedie simili non si ripetano più”
Incidente tra due pullman a Gazzaniga
Chiuse le indagini
Gazzaniga, scontro tra bus, morì Luigi, 14 anni: autista accusato di omicidio stradale, indagata la Sab
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI