Al mercato tempo di cavolo nero, antinfiammatorio e alleato della prevenzione - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Ortofrutta

Ortofrutta

Al mercato tempo di cavolo nero, antinfiammatorio e alleato della prevenzione

È più che buona e in evidente aumento la disponibilità di prodotto, anche locale: si tratta di una specie non autoctona ma ora è conosciuta e apprezzata anche dai consumatori orobici.

Il cavolo nero è protagonista della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. È più che buona e in evidente aumento la disponibilità di prodotto, anche locale: si tratta di una specie non autoctona ma ora è conosciuta e apprezzata anche dai consumatori orobici.

La specie, che si è ben adattata al nostro clima e soprattutto ai nostri terreni, si è inserita sempre più nelle nostre abitudini alimentari. Una varietà che annovera tante proprietà per la salute e il benessere dell’organismo.

Innanzitutto, è una buona fonte di sali minerali (calcio, ferro e potassio), ma contiene anche acido folico e vitamine A, C ed E. Grazie alla sua composizione, è in grado di svolgere una funzione antinfiammatoria e, per questo, il suo consumo generalmente è consigliato contro le distorsioni muscolari, tumefazioni e dolori osteoarticolari di collo, spalle, schiena, ginocchia e caviglie.

Secondo alcune ricerche, inoltre, questo rotaggio sarebbe un alleato nella prevenzione di numerose forme tumorali (cancro al colon, al retto, allo stomaco, alla prostata e alla vescica), e risulta efficace per coadiuvare la cura dell’ulcera gastrica e delle coliti ulcerose.
In cucina può essere adoperato per preparare minestre e vellutate, ma è ottimo anche lessato o crudo in insalata e condito con olio d’oliva e succo di limone. Le foglie, invece, possono essere consumate anche come centrifugato utile contro i bruciori di stomaco e problemi digestivi.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo si nota che tra gli agrumi si rafforza considerevolmente la disponibilità di clementine: da questa settimana al prodotto spagnolo si affianca una timida offerta di quello nazionale, per ora con origine pugliese e calabrese. Nella massa la qualità è in miglioramento di arrivo in arrivo e, nel breve periodo, l’aumento della disponibilità di merce italiana permetterà un ulteriore innalzamento del livello qualitativo.

È ancora decisamente più che buona la presenza di satsuma mijakawa (varietà di mandarini di colore verde con origini orientali): la specie, ancora poco conosciuta ed apprezzata dai consumatori, evidenzia un grado zuccherino e un livello qualitativo superiore alle aspettative, condizione che lascia ben sperare per il livello qualitativo a cui potrà puntare il clementino italiano.

Si rivitalizza il mercato dei cachi: migliora l’interesse per la referenza, rispetto alla scorsa settimana i quantitativi di prodotto paiono inferiori e, grazie alla buona selezione dei frutti, il consumatore può contare su un prodotto di primissimo livello. Oltre ai cachi comuni sono disponibili anche cachi persimon, chiamati anche cachi mela per via della consistenza della polpa, soprattutto spagnoli i luoghi d’origine.

Sono ancora poco entusiasmanti le compravendite delle castagne, del resto le temperature giornaliere risultano ancora alte, e questo di certo non può in alcun modo stimolare il consumo di caldarroste.

È negativa la settimana per le fragole: la disponibilità non è molta, ma la richiesta è ancor meno ed il Mercato fatica a sostenere i prezzi richiesti dalla produzione, garantiti sino a pochi giorni fa.

Contrariamente a quanto successo lo scorso anno, la disponibilità di mele, per le differenti varietà, è più che buona con un livello qualitativo che nella massa è quello delle migliori annate ed ultimo ma non trascurabile con prezzi decisamente inferiori a quelli della scora campagna, insomma la stagione sarà contraddistinta da un rapporto qualità prezzo difficilmente replicabile in futuro.

Più che buon anche la disponibilità per le singole varietà di pere, ed anche per quest’ultime il livello qualitativo nella massa è più che buono, ad oggi le varietà più apprezzate risultano essere sicuramente William e Abate Fetel.

Volumi superiori alle effettive esigenze spingono verso il basso il valore di mercato per i melograni, Spagna e Italia i luoghi d’origine attualmente in grado di offrire il miglior prodotto.

Praticamente conclusa l’offerta di pesche e nettarine per le quali sino all’ultimo si sono registrati buoni consumi.

Passando alle verdure, si rilevano prezzi in diminuzione per i cavolfiori dove l’aumento d’offerta, anche locale sta funzionando da automatico calmiere,

Sono sicuramente più alti rispetto alla scorsa stagione i prezzi di patate e cipolle, lo scorso anno un’annata eccessivamente carica di prodotto, soprattutto estero aveva compromesso sensibilmente il valore di mercato, quest’anno un rapporto tra domanda e offerta più regolare, permette di spuntare prezzi medi più alti.

Per concludere, è in ripresa il valore di mercato delle zucchine per le quali un’offerta in lieve contrazione muta l’equilibro tra domanda e offerta influendo conseguentemente si prezzi.

La ricetta a cura delle nostre Amichesciroppate

Fogottini autunno style

Ingredienti per 4 persone
30/40 foglie di cavolo nero
2 carote
2 patate
1 zucchina
1 pezzo di zucca
50 g. di scamorza affumicata
8 cucchiai di pangrattato
10 noci

Procedimento

Taglia tutta la verdura a dadini escluso il cavolo nero, falli saltare in padella con un filo di alio, aggiungi un pizzico di sale e 1 bicchiere d’acqua ( fino a coprire le verdure), lascia cuocere per 15/20 minuti fino a quando le verdure saranno abbastanza tenere da poter essere schiacciate con una forchetta.

Sbollenta le foglie di cavolo nero.

Schiaccia le verdure grossolanamente, aggiungi la scamorza tagliata a dadini e del pangrattato, otterrai un composto morbido.

Unite 3 / 4 foglie di cavolo nero e mettere al centro un cucchiaio di ripieno, chiudete il fagottino e mettetelo in una pirofila, continuate a preparare fagottini e poi via in forno per 20 minuti con un filo d’olio e qualche gheriglio di noce.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it