Marlegno, "master" in azienda per giovani architetti e progettisti - BergamoNews
Bolgare

Marlegno, “master” in azienda per giovani architetti e progettisti fotogallery

All'azienda di Bolgare, specializzata nella realizzazione di case in legno, il corso “Architettura per il Paesaggio” per gli studenti del corso di Alta Formazione della YAC Academy di Bologna.

L’emozione del legno toccato con mano. Presentato alla Marlegno di Bolgare il corso “Architettura per il Paesaggio” per gli studenti del corso di Alta Formazione della YAC Academy di Bologna, riferimento d’eccellenza nella formazione di architetti e progettisti a livello internazionale, che vanta collaborazioni con Stefano Boeri Associati, Snohetta e Duque Mott.

A partire da questo anno accademico Marlegno, specializzata nella realizzazione di case in legno, sosterrà il percorso didattico degli allievi e avrà il compito di realizzare il progetto elaborato durante il laboratorio “Art in Nature”: la prototipazione di un modulo mobile che verrà situato in Val di Sella e utilizzato dall’associazione Arte Sella come location per le performance dei tanti artisti ospitati nel parco.

Nella prima giornata di studio, mercoledì 10 ottobre, sono stati presentati gli obiettivi del corso: riavvicinare l’architettura all’ambiente facendo conoscere agli studenti il valore dell’edilizia sostenibile e del legno come materiale costruttivo.

“Tre i principi che guidano la logica costruttiva di Marlegno – ha spiegato l’amministratore delegato Angelo Marchetti agli studenti -: realizziamo su misura case in legno, secondo le esigenze dei nostri clienti; poniamo grande attenzione ai temi della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, utilizzando materiali naturali ed ecocompatibili; e impieghiamo risorse nella ricerca di un sistema costruttivo che abbia un ridotto impatto ambientale”.

La collaborazione con YAC Academy conferma lo spirito di Marlegno da sempre orientata a sostenere la connessione e la contaminazione tra il mondo dell’architettura contemporanea e quello della ricerca, dell’innovazione e della responsabilità ambientale.

“Non ci sono quasi più limiti per la capacità creativa di un architetto -ha detto Marchetti-. Le tecniche di lavorazione e i materiali utilizzati per costruire un edificio in legno consentono di realizzare abitazioni sorprendenti e sostenibili da ogni punto di vista. Poter contribuire alla formazione delle prossime generazioni di architetti grazie alla collaborazione con YAC Academy è motivo di vanto e orgoglio”.

Katia Trovenzi, responsabile marketing e comunicazione Marlegno, ha illustrato agli studenti alcune soluzioni innovative e rispettose per l’ambiente realizzate dall’azienda di Bolgare.

“Marlegno – ha detto Trovenzi -, in collaborazione con l’Università degli Studi di Bergamo, con le coperture scatolari antisismiche ha sviluppato un sistema ingegnerizzato per la riqualificazione sismica degli edifici in muratura con tetto in legno. In parole povere, se immaginiamo l’edificio come una scatola, queste coperture fungono da “coperchio” che chiude la scatola evitando che le pareti ribaltino in caso di terremoto, impedendo all’edificio di crollare. Queste coperture possono essere realizzate con pannelli di legno multistrato, connessi tra loro e vincolati alle pareti perimetrali dell’edificio, senza sostanziali modifiche nella geometria dell’edificio”.

Con il progetto AdESA l’azienda di Bolgare ha vinto il bando Smart Living di Regione Lombardia, ottenendo il punteggio più alto in graduatoria e un contributo a fondo perduto di circa 800 mila euro su un investimento previsto di 1,7 milioni di euro. “AdESA – ha spiegato la responsabile marketing e comunicazione Marlegno – è un sistema prefabbricato per la riqualificazione integrata degli edifici esistenti che consiste in un “guscio” di legno, montato intorno all’edificio da riqualificare, che lo avvolge conferendogli nuove prestazioni energetiche, resistenza antisismica e un completo restyling architettonico”.

A livello europeo Marlegno partecipa al bando “Reactive” per la riqualificazione olistica del patrimonio immobiliare europeo, non solo dal punto di vista architettonico ma anche a livello di impiantistica.

Per il prossimo Solar Decathlon Europe 2019, la competizione internazionale nella quale università da tutto il mondo si incontrano alle porte di Budapest per progettare, costruire e rendere operativo un edificio energicamente autosufficiente e dalle elevate qualità ambientali, con il sole come unica fonte di energia, Marlegno fornirà al gruppo di ricerca SEED Italy (Sustainable Energy Efficient Design Italy), coordinato dal Politecnico di Milano, i materiali per partecipare alla gara.

“Entro fine mese – ha concluso Trovenzi – con un visore Virtual Reality allestito all’interno di Marlegno sarà possibile per chi desidera una casa in legno, attraverso la realtà virtuale, vederla in anticipo e nel dettaglio”.

A conclusione del percorso di studio, agli studenti verrà offerta la possibilità di intraprendere, sempre nell’azienda di Bolgare, tirocini formativi.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it