BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gori si ricandida, il Pd: “Ha dato visione alla città”; Lega: “Gli daremo un’altra batosta”

Agli auguri dal centrosinistra seguono le frecciate del Carroccio, che lancia la sfida: "Da giugno Bergamo avrà il primo sindaco leghista della sua storia"

L'annuncio del sindaco Giorgio Gori - che si è detto "disponibile" a ricandidarsi a Palazzo Frizzoni - ha scatenato un domino di reazioni e commenti, come prevede il più classico gioco delle parti tra alleati e antagonisti politici.

"Non è nello spirito bergamasco lasciare le cose a metà - ha detto Gori in una conferenza stampa organizzata ad hoc (leggi qui) -. Credo ci sia un giudizio prevalentemente positivo da parte dei cittadini, anche se il vento politico non spira esattamente nella nostra direzione". Un dato, però, è certo: nessun sindaco uscente è mai stato rieletto. "Sarebbe bella smentire questa regola" ha risposto, lanciando ufficialmente il guanto di sfida agli avversari.

Parole di sostegno o di critica - a seconda delle diverse latitudini politiche - sono piovute a stretto giro. "Giorgio e la sua giunta sono stati capaci di recuperare risorse importanti a vantaggio dello sviluppo urbanistico, economico e sociale, così come di agevolare la capacità imprenditoriale del territorio - hanno commentato l'onorevole Elena Carnevali e il senatore Antonio Misiani (Pd) -. Bergamo è stata guidata negli ultimi cinque anni da un sindaco e da una giunta che hanno dato visione alla città, hanno saputo renderla competitiva rispetto agli altri capoluoghi, bella da vivere, attrattiva e culturalmente vivace".

Al loro intervento si è aggiunto quello del segretario nazionale del partito, Maurizio Martina: "Faccio un grande in bocca al lupo a Giorgio per la nuova sfida che lo attende. Ho imparato a conoscere la sua passione per la città e la serietà con cui affronta il lavoro amministrativo. Avercene di sindaci così, ora tutti con Gori e pancia a terra per Bergamo".

Dagli auguri del centrosinistra alle frecciate del centrodestra, che tende a considerare la scelta del sindaco una sorta di "ripiego". Questo, almeno, il commento che va per la maggiore. "Gori annuncia la sua ricandidatura a sindaco nonostante volesse fare il Governatore della Lombardia. Inevitabile dopo la sconfitta alle elezioni regionali", ha postato su Facebook il parlamentare azzurro Stefano Benigni.

Il Carroccio punta invece sugli ormai consolidati cavalli di battaglia, immigrazione in testa: "Oh, che bella notizia. Gori vuole 'finire il lavoro di trasformazione della città'. Quindi vuole far costruire almeno due moschee, riempirci ancor di più di immigrati, far contente le coop che si riempiono le tasche con l'accoglienza e squartare Città Alta con il parcheggio della Fara? No grazie", l'intervento del deputato leghista Daniele Belotti, al quale fa eco il collega Alberto Ribolla: "Per Gori più permessi di soggiorno per tutti, moschee e stranieri per soppiantare gli italiani. Per la Lega e il centrodestra attenzione ai più deboli, ma a quelli italiani".

Chi nei confronti di Gori sembra avere il dente particolarmente avvelenato, però, è il segretario della Lega Lombarda Paolo Grimoldi. "Dopo essersi candidato appena nove mesi fa a Governatore della Regione" e "dopo aver trascurato Bergamo per sei mesi di lunga e fallimentare campagna elettorale in giro per la Lombardia, adesso riscopre Bergamo? Troppo tardi, tempo scaduto", attacca in un comunicato stampa.

Poi si bilancia e assicura: "Da giugno Bergamo avrà il primo sindaco leghista della sua storia. Auspichiamo che Gori resti in consiglio comunale a fare quell'opposizione che ha preferito non fare in Regione. Se vuol prendersi un'altra batosta e terminare così la sua modesta carriera politica…". L'avversario di Gori ancora non c'è, ma la campagna elettorale è già cominciata.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Piero Tatam

    La vedo dura per Gori. I suoi sponsor centristi e di area ex FI si sono già messi alla ricerca di un leghista dal volto umano. E secondo me lo hanno già trovato. Magari mi sbaglio. Ma questi personaggi sono sempre stati in maggioranza…nel senso che hanno sempre scelto il candidato da sostenere poi risultato vincente.