BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caravaggio, fermate con la refurtiva e denunciate: “I gioielli torneranno ai proprietari”

Il sindaco Bolandrini ringrazia la polizia locale sul suo profilo Facebook e si rivolge ai cittadini: "Chi ha subito un furto di recente si faccia avanti"

Orologi di marca e gioielli preziosi. È questo il bottino ritrovato addosso a due donne di etnia rom, di cui una minorenne, fermate dagli agenti della polizia locale di Caravaggio.

Nel tardo pomeriggio di martedì 9 ottobre alcuni cittadini hanno notato due donne muoversi furtivamente per le vie del centro e successivamente nelle vicinanze di alcune villette più periferiche, tentando di entrare all’interno di alcune di esse. Pronto l’intervento dei residenti, che le hanno messe in fuga allertando poi la polizia locale.

Sono cosi partite le ricerche da parte degli uomini del comandante Cristiana Vassallo che hanno portato all’individuazione delle due giovani, bloccate poco prima delle 18, mentre si trovavano all’altezza del cavalcavia che porta a Treviglio.

Addosso alle due donne, residenti nel campo nomadi di via Calvenzano a Treviglio, sono stati rinvenuti vari oggetti provenienti da diversi colpi, alcuni dei quali probabilmente messi a segno nella stessa giornata a Caravaggio. Per le due è scattata la denuncia a piede libero.

Sulla vicenda è intervenuto il primo cittadino, Claudio Bolandrini, che ha voluto lanciare un appello ai caravaggini: “Invito tutti i miei concittadini a denunciare qualora si sia verificato un furto all’interno delle loro abitazioni in queste ore – ha spiegato -. Non sappiamo ancora da dove venga tutta la refurtiva confiscata, ma con l’aiuto dei cittadini possiamo risalire ai loro legittimi proprietari. Vorrei dire grazie a quelle persone che hanno contribuito all’identificazione di queste due donne: chiamando tempestivamente gli agenti hanno permesso loro di intervenire e risolvere quanto prima la situazione. Ricordo sempre che in questi casi la prima cosa da fare è chiamare il comando: gli alert sui social network in questi casi non servono”.

Il sindaco, infine, plaude gli agenti della locale, che hanno concluso con successo l’operazione: “Il mio ringraziamento va a tutti gli uomini del nostro corpo di Polizia locale che ogni giorno, anche in collaborazione con le altre forze dell’ordine, contribuiscono al mantenimento della sicurezza nella nostra città: due daspo per accattonaggio molesto, una espulsione di pluripregiudicato con foglio di via, operazioni antidroga, pattugliamento costante del territorio, contrasto alla ludopatia, Identificazione dei questuanti e lotta al racket della questua. Mi pare che in materia di sicurezza siano sul pezzo”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.