Quantcast
Spari all'ex moglie a Scanzo, resta in carcere il piastrellista - BergamoNews
L'interrogatorio

Spari all’ex moglie a Scanzo, resta in carcere il piastrellista fotogallery

Per il Gip c'è il pericolo di fuga e quello di reiterazione del reato

C’è il pericolo di fuga e quello di reiterazione del reato. Per questo il giudice per le indagini preliminari Massimiliano Magliacani ha convalidato il fermo per tentato omicidio e ha confermato la custodia in carcere per S. D., il cinquantenne di Villasanta (Monza e Brianza) che il 27 settembre aveva sparato sei colpi di pistola a Scanzorosciate verso l’ex moglie F. A., 53 anni, tuttora in gravi condizioni all’ospedale Papa Giovanni.

Nell’interrogatorio di lunedì mattina in carcere a Bergamo, il piastrellista brianzolo ha ripreso la versione che aveva già fornito alle forze dell’ordine quando si era consegnato, venerdì sera. “Ho fatto una sciocchezza, mi sentivo solo”, aveva detto ai militari dell’Arma, chiarendo di essere stato spinto ad agire perché turbato per la separazione dalla moglie avvenuta un anno fa.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI