Quantcast
Morto prof del Natta, lo studente: "Era un amico più che un professore, mancherà molto" - BergamoNews
Il ricordo

Morto prof del Natta, lo studente: “Era un amico più che un professore, mancherà molto”

Ricordi affettuosi di ore di lezione divertenti e fuori dagli schemi, ma, soprattutto, di una personalità che aveva conquistato tutti, dentro e fuori le mura scolastiche

La morte del professor Cosimo Errico ha scosso il corpo docente e studentesco dell’Istituto Natta di Bergamo. Lo storico insegnante di microbiologia, è stato trovato morto nella notte in un cascinale di sua proprietà in via Chiosi.

Il 58enne utilizzava spesso la Cascina di Fiori – al confine tra Entratico e Borgo di Terzo -, che negli ultimi anni aveva trasformato in una struttura riservata alle feste e alla ricerca didattica: mercoledì, in serata, era salito proprio per riordinare il locale dopo un evento che era stato organizzato nella struttura nel pomeriggio stesso. A notte fonda, non vedendolo rientrare e non riuscendolo a contattare tramite cellulare, il figlio si è recato sul posto trovando il cadavere del padre, parzialmente carbonizzato.

I carabinieri del Reparto operativo di Bergamo stanno lavorando sul caso, quel che è confermato è che non si è trattato di un incidente, bensì di un omicidio, come dichiarato dal medico legale dopo aver esaminato il corpo che riporta ferite di arma da taglio trovare sul cadavere.

Sono tanti i messaggi di cordoglio e i post pubblicati sui social, specialmente da parte dei suoi studenti che lo ricordano come un professore amico e scienziato originale. Uno studente, ad esempio, ricorda l’esperimento in cui gonfiò  il polmone di un bovino con la cannuccia: “L’ho avuto come professore solo per poche lezioni, ma il suo esperimento resterà indelebile nella mia mente!”

Ricordi affettuosi di ore di lezione divertenti e fuori dagli schemi, ma, soprattutto, di una personalità che aveva conquistato tutti, dentro e fuori le mura scolastiche.

Tanto è il dispiacere dopo aver appreso della sua scomparsa:”Ancora non voglio credere…. Se ne è andato un pezzo delle mie superiori! È stato un piacere conoscerti profe… Addio”, scrive uno dei numerosi studenti su Facebook.

“È stato mio professore per quattro anni – ci racconta un suo ex-studente che si commuove nel ricordarlo – Ho avuto diversi problemi con la scuola e lui mi è sempre stato vicino, spronandomi a dare del mio meglio. Era un amico, più che un professore: la filosofia della scuola è sempre stata quella di seguire i suoi studenti e di creare un bel rapporto con loro e il prof Errico rispettava in pieno questa decisione. Indimenticabile la gita dell’ultimo anno con lui: mancherà a tutti noi. Ho perso un amico.”

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Cosimo Errico prof ucciso
L'omicidio
Prof ucciso a Entratico, si cerca l’arma del delitto
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI