BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treviglio si rifà il look: lavori alle strade e restauro del monumento ai caduti

Non solo asfaltature ma anche attenzione alle barriere architettoniche

Treviglio si rifà il look: rifacimento strade, eliminazione delle barriere architettoniche e restauro del monumento ai caduti tra le opere in fase di completamento. L’inizio dell’autunno nella capitale della Bassa porta con se una serie di interventi di riqualifica e sistemazione per quanto riguarda i lavori pubblici. Protagoniste soprattutto le strade, con diverse opere di manutenzione straordinaria legate al rifacimento del manto stradale sparse su tutto il territorio cittadino.

Viale de Gasperi, via Libertà, via Caravaggio, via Crippa, via Tasso, via Vasco de Gama e la rotatoria di via Brignano sono solo alcune delle aree interessate dagli interventi in questione, che entro la fine del mese di ottobre rimetteranno a nuovo queste vie mediante opere di scarificazione della pavimentazione e successiva messa in posa di pavimentazione bituminosa. Di 85 mila euro il costo stimato per la realizzazione di questo prospetto.

Parallelamente ai lavori realizzati dal comune di Treviglio anche la società Enel sta lavorando in questi giorni su oltre quattro chilometri di strade comunali – per un costo a suo carico di circa 120 mila euro – per ripristinare il manto stradale dopo i lavori necessari per realizzare gli allacciamenti dei servizi elettrici al cantiere Amazon di Casirate d’Adda.

Non solo asfaltature ma anche attenzione alle barriere architettoniche, con ben sei interventi previsti dall’amministrazione nel breve termine per eliminare gli ostacoli presenti in alcune delle principali vie di passaggio dell’area esterna della città. Via Peschiera, via Tasso, via Baslini, via Marconi e via Falcone e Borsellino i tratti presi in esame.

Infine, in occasione delle celebrazioni per i cento anni della fine della “Grande guerra”, l’amministrazione comunale ha avviato un corposo “restauro conservativo” dello storico monumento dei caduti di piazza Insurrezione ad opera della ditta Savart di Seriate, che andrà a dare nuova luce a questa e opera che, come specificato dagli stessi esperti, “si presenta in cattivo stato di conservazione con forme gravi di degrado tipiche dei monumenti all’aperto in contesto urbano”.

Di circa 10 mila euro il costo di questo intervento, con i liquidi necessari per il ripristino dell’opera provenienti da un progetto piu ampio dal valore di 40 mila euro che coinvolge sia amministrazione cittadina che Regione Lombardia e legato ai festeggiamenti per i 100 anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale. Coinvolta dai restauri, seppur in minor misura, anche la Cappella dei Caduti presente nel cimitero cittadino di via Abate Crippa.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.