"Telecamere nei reparti produttivi": e i lavoratori della Phoenix scioperano - BergamoNews
Il caso

“Telecamere nei reparti produttivi”: e i lavoratori della Phoenix scioperano

Protesta unitaria di Fiom e Fim che denunciano relazioni con l'azienda deteriorate già da tempo per questioni legate alla redistribuzione della ricchezza prodotta.

Braccia incrociate alla Phoenix International di Verdello nelle ultime due ore di ogni turno di venerdì 28 settembre, per uno sciopero proclamato unitariamente da Fiom Cgil e Fim Cisl, per una protesta che riguarda anche le prestazioni straordinarie e la flessibilità.

Oggetto del contendere, rivelano i sindacati, la volontà dell’azienda di installare delle videocamere all’interno dei reparti produttivi: “Lo ha comunicato nei giorni giorni la Direzione aziendale – spiega Claudio Ravasio della Fiom – L’azienda ha informato i delegati anche dell’intenzione di regolamentare le pause-caffè, limitandone di fatto la fruibilità. Queste ultime comunicazioni si inseriscono in un contesto di relazioni con l’azienda già da tempo deteriorato: la Phoenix, infatti, pur avendo raggiunto negli ultimi anni ottimi risultati economici grazie al contributo dei lavoratori, non ha fino ad ora voluto redistribuire la ricchezza prodotta, negando la ripresa del confronto per il rinnovo del Contratto aziendale, disdetto dal 2014″.

“L’azienda – prosegue il sindacato – cerca poi in ogni modo di ridurre al minimo il costo del lavoro utilizzando soprattutto tirocini e contratti d’ingresso. A farne le spese sono le condizioni salariali dei lavoratori. Per tutti questi motivi esprimiamo una forte contrarietà di fronte alla situazione nel suo complesso e chiediamo alla Direzione di rivedere le proprie decisioni e, finalmente, di riaprire un confronto con i sindacati”.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it