BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riscaldamento globale, Bergamo è tra le città più calde d’Italia

È il risultato di una ricerca realizzata dall'European Data Journalism Network

Più informazioni su

Ma che caldo fa. Bergamo è tra le prime dieci italiane dove la temperatura media è cresciuta di più negli ultimi 117 anni.

Prima di Bergamo si classificano solo Belluno, Piombino, Pavia, Piacenza, Savona, La Spezia, Modena, Genova e Ancona. A riportare il capoluogo orobico tra le città più calde d’Italia è stato l’European Data Journalism Network (Edjnet) su dati raccolti dallo European Centre for Medium-Range Weather Forecasts (ECMWF).

Rispetto alla media del ventesimo secolo, tra il 2000 e il 2017 le temperature di Bergamo sono aumentate di 1,21 gradi centigradi. Sulle 54 città italiane analizzate Belluno, che si è piazzata in testa a questa particolare classifica, ha sfiorato i 2 gradi di innalzamento della temperatura, seguita da Piombino con 1.69 gradi centigradi e Pavia con 1.29 gradi centigradi al di sopra della media. Nella graduatoria europea, su 558 città analizzate, Bergamo occupa il 104esimo posto.

Nel dettaglio, analizzando i dati meteorologici di 117 anni è emerso che a Bergamo il numero di giornate calde (al di sopra di 24°C durante 24 ore in media) è passato da 3 giorni all’anno nel Ventesimo secolo a 5 all’anno dal 2000 in poi. Gli anni più caldi sono stati il 2007, 2011, 2014, 2015 e 2017. Il numero delle giornate di gelo (sotto i −1°C per 24 ore in media 24) è passato da 38 giorni all’anno nel Ventesimo secolo a 23 all’anno dal 2000 in poi.

“L’Europa si sta riscaldando da più di un secolo, lentamente, ma costantemente –scrivono i media di EDJNet–. Nessun paese e nessuna città è al sicuro dalle temperature in aumento e dal suo impatto, solo una piccola minoranza sembra avere sviluppato strategie di adattamento per le conseguenze”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.