Traffico di cocaina tra bassa Valbrembana e Isola: sgominata banda di pusher - BergamoNews
L'operazione

Traffico di cocaina tra bassa Valbrembana e Isola: sgominata banda di pusher

Quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere e divieto nel comune di Bergamo e provincia a carico di due italiani e due tunisini che rifornivano centinaia di tossicodipendenti

Un ingente traffico di droga tra la bassa Valbrembana e l’Isola bergamasca. Nella mattinata di martedì 25 settembre i Carabinieri della Compagnia di Zogno e della Stazione di Almenno San Salvatore hanno dato esecuzione a 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere e di divieto nel comune di Bergamo e provincia a carico di 4 persone (due italiani e due tunisini) che rifornivano di cocaina centinaia di tossicodipendenti.

L’indagine ha avuto origine in seguito a perquisizione nell’aprile del 2018 a carico di un soggetto con precedenti specifici, trovato in possesso di cocaina, ingenti somme di denaro contante e alcuni telefoni cellulari.

L’attività investigativa, condotta con metodi investigativi tradizionali senza l’uso di intercettazioni, ha permesso di ricostruire la presenza sul territorio Bergamasco di un sodalizio criminale che in pochi mesi si è imposto nei comuni di Zogno, Paladina, Presezzo, Almé, Villa d’Almé, Ubiale Clanezzo, Brembate, Valbrembo, Sedrina, Almenno San Salvatore e Ponte San Pietro, gestendo lo spaccio di droga con la cessione di centinaia di dosi di cocaina ad una moltitudine di clienti con un volume d’affari di decine di migliaia di euro.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it