BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un nuovo mezzo per le emergenze in dotazione alla Croce Blu di Gromo fotogallery

L’investimento complessivo per l’acquisto di questo modulo idrogeologico è stato di 80mila euro

Più informazioni su

Un nuovo modulo idrogeologico dotato di tutto ciò che occorre per contrastare al meglio le emergenze idrogeologiche: questa la novità della Croce Blu di Gromo, sempre presente e attiva sul territorio.

“Si tratta di un carrello dotato di tutte le attrezzature necessarie per partire in caso di emergenza – spiega Battista Santus, presidente della Croce Blu -. Sul mezzo infatti sono presenti motopompe, elettropompe, dispositivi per la sicurezza dei volontari, varie attrezzature per le attività di bonifica, un generatore di corrente, una torre faro con la luce a led e una radio in modo da poter comunicare con la sala operativa. La novità di questo modulo è la presenza di una scritta luminosa variabile a seconda dei casi per informare la popolazione e chi transita sulla strada su quanto sia accaduto”.

L’investimento complessivo per l’acquisto di questo modulo idrogeologico è di 80mila euro: “Il 75% della somma è stato finanziato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, mentre i comuni di Gromo e Valgoglio hanno contribuito con 5 mila euro ciascuno visto che hanno partecipato ad un bando regionale per attrezzature di Protezione Civile. Il resto del modulo è stato completato dalla Croce Blu di Gromo grazie alle nostre risorse”.

Il nuovo mezzo verrà presentato a tutta la popolazione nella serata di venerdì 28 settembre a partire dalle 19.30 presso la sede della Croce Blu: “Offriremo a tutti i presenti la cena preparata nella nostra cucina da campo. Venerdì 28 scade il bando del servizio civile al quale ha partecipato anche la nostra associazione: aspettiamo le adesioni dei ragazzi che vorrebbero partecipare. Il nuovo mezzo, infatti, sarà utilizzato non solo dai nostri operatori, che sono più di 160, ma anche dai ragazzi del servizio civile che saranno coinvolti in tutte le attività di Protezione Civile. Qualche anno fa, quando siamo andati a prestare soccorso nelle zone terremotate del centro Italia, i ragazzi del servizio civile hanno potuto provare insieme a noi questa esperienza”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.