BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In Baita: Gusto & Tradizione

Informazione Pubblicitaria

A scuola di… formaggio: l’epoca romana & il Medioevo

Oggi la storia del formaggio si sposta all’Epoca Romana e agli inizi del Medioevo. Un viaggio nella cultura casearia alla scoperta di una storia millenaria.

La storia del formaggio per gustarlo e conoscerlo, riprende anche questa settimana. Dopo un grande salto indietro nella Preistoria, oggi arriviamo all’Epoca dei Romani e al Medioevo.

Nel corso del tempo, infatti, è stato raccolto e riunito un numero di studi fatti nel corso del tempo, per contribuire a tenere viva non solo l’arte casearia, ma anche il suo percorso di eccellenza.

Con i Romani, il formaggio vive una fase storica di consolidamento, diventa un bene alimentare codificato con numerose varietà nell’offerta presente sul mercato, oltre a distinzioni qualitative che dipendevano dalle aree di provenienza.

Già all’epoca, le varietà più apprezzate arrivavano dalle aree alpine, e proprio Plinio il Vecchio, uno dei più importanti storici dell’epoca, ci riporta l’aneddoto che, alle tavole degli Imperatori, veniva servito il Vatusico, varietà dell’attuale Valle d’Aosta.

Tra le vicende che più fanno sorridere, anche quella del “Formaggio Fatale”, così buono – riporta l’Historia Augusta – da costare un’indigestione fatale all’Imperatore Antonino Pio.

Con il crollo dell’impero romano, il Medioevo torna a dare un ruolo centrale agli Alpeggi: un rifugio per i pastori in fuga dalle città distrutte dove tornavano a formarsi paludi e climi poco idonei per l’allevamento.

Verso il Duecento, invece, c’è una progressiva sostituzione del bestiame, con razze bovine, lasciando la produzione ovi-caprina alla sola sussistenza dei pastori. Questo sarà un trend che proseguirà fino all’Ottocento, con l’affiancamento di piccole greggi caprine accanto a quelle bovine, destinate a scopi più commerciali.

Il Duecento è anche il secolo in cui l’economia tornerà a rifiorire grazie ai Monasteri e al lavoro dei Monaci. Se siete curiosi, mettetevi in agenda l’uscita di mercoledi prossimo, con l’ultima puntata de La Storia del Formaggio

Latteria di Branzi ti aspetta In Baita, a Zogno, in via Grotte delle Meraviglie 14/A (Bg) –  0345 92061 Siamo aperti da lunedì a domenica con servizio di vendita dei nostri migliori prodotti tipici e nel week end con il servizio di ristorazione.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.