BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Distributore di via Baschenis: “A Milano è diventato un bel locale, qui l’hanno demolito” fotogallery video

La provocazione dell'avvocato bergamasco Marco Saita: "Quello milanese è del 1952, il nostro era del 1938"

Trova le differenze. Inizia così il post che il noto avvocato bergamasco Marco Saita (figlio della leghista Silvana) ha pubblicato sulla propria pagina Facebook in riferimento alla demolizione dell’ex distributore di benzina in via Baschenis a Bergamo, risalente al 1938. Una decisione che sta creando diverse polemiche tra i bergamaschi, legati a quello che era uno dei simboli della città.

Saita propone un confronto con la vicenda della stazione di servizio di piazzale Accursio a Milano, trasformata qualche anno fa in un ristorante molto in voga tra i giovani e non solo: “La stazione di servizio che è stata intelligentemente trasformata in uno dei locali più alla moda di Milano era del 1952, quella che il Comune di Bergamo ha deciso di demolire per realizzare una rotonda del 1938”, spiega il legale. Non era quindi possibile trovare una soluzione simile anche per il sito della nostra città?

Eppure inizialmente si era pensato di riconvertire il distributore, ma poi l’ipotesi fu bocciata, come illustra l’assessore alla Riqualificazione Urbana, Francesco Valesini : “L’area sottostante il distributore è fortemente inquinata – le sua parole -. Pensare di rimuovere il terreno inquinato e salvaguardare un manufatto di 80 metri quadrati è praticamente impossibile”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco Ghilardi

    Scherzi? Era di epoca fascista. Andava demolito. Chi se ne frega se era storico? E c’è chi raccoglie firme per distruggere il Torre dei venti.