Quantcast
Turisti in Bergamasca, in 10 anni 500mila in più all'anno: ecco da dove vengono - BergamoNews
La mappa

Turisti in Bergamasca, in 10 anni 500mila in più all’anno: ecco da dove vengono

Motivo principale di questo aumento la crescita esponenziale del numero dei voli dell’aeroporto di Orio al Serio e gli ottimi eventi organizzati negli ultimi anni. In testa per numero di presenze turisti tedeschi, spagnoli e francesi.

Negli ultimi 10 anni a Bergamo i turisti sono aumentati da 703mila circa a ben 1 milione e 201mila, un aumento del 70%. Un bel traguardo per Bergamo e tutta la provincia, sia per i privati che per quanto riguarda i singoli cittadini che hanno potuto beneficiare anche di eventi eccezionali come The Floating Piers del 2016 e l’adunata degli alpini del 2010. Ma Bergamo non è nuova a questi grandi traguardi: è da molti anni che essa viene nominata come città dalla grande bellezza e consigliata in diverse guide scritte per i turisti.

Il motivo principale di questa crescita ricade senza dubbio sull’aeroporto di Orio al Serio: negli ultimi 10 anni sono aumentati drasticamente il numero dei voli partiti e atterrati sulla pista bergamasca, così come il numero delle mete disponibili. In testa a questa classifica troviamo la Spagna con 17 mete raggiungibili, in seconda posizione Germania e Regno Unito con 7.

Nel 2017 la nazionalità di turisti più presente è stata la Germania con 116.560 turisti, seguito da Spagna e Francia con circa 70mila turisti. Nelle ultime posizioni di questa classifica sono presenti Svezia, Norvegia, Irlanda e Danimarca. Interessante il paragone con la situazione di 10 anni fa: nel 2007 i turisti più presenti erano gli inglesi con 74.793 (scesi di 14mila turisti negli ultimi 10 anni), mentre la Germania si fermava al secondo posto con 61mila, seguita da Francia e Spagna con 43mila e 34mila. Allora erano presenti anche altre nazionalità mancanti nel 2017 come Repubblica Ceca, Austria e Svizzera.

La curiosità emersa dai dati è che nella classifica del 2017 sono presenti nazioni che hanno almeno un volo di collegamento tra Bergamo e una città del loro Stato: tutte tranne una, visto che i turisti statunitensi si classificano al nono posto con 29.148 turisti ma a Bergamo non arrivano né partono voli diretti per gli Stati Uniti. Mesi fa si era parlato della proposta di Ryanair di unire via scalo Bergamo con gli Stati Uniti ma l’idea sembra essere in stallo momentaneamente.

Attenzione ai paesi del Nord in forte crescita: i turisti provenienti dalla Lettonia sono passati da 116 nel 2007 a 9063 nel 2017, mentre quelli provenienti dall'Estonia sono passati da 274 turisti a 8232.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
turisti città alta
Fisascat cisl
A Bergamo il turismo sta bene, “i lavoratori molto meno”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI