"Sospetto amianto sui tetti di San Tomaso", il Comune: "Già provveduto" - BergamoNews
Bergamo

“Sospetto amianto sui tetti di San Tomaso”, il Comune: “Già provveduto”

Un gruppo di genitori chiede rassicurazioni. L'assessore all'Ambiente Leyla Ciagà: "Già fatti gli avvii di procedimento, i privati interessati stanno ottemperando alla rimozione o alla rivalutazione, come legge prevede"

Sospetta presenza di amianto nel quartiere di San Tomaso dè Calvi a Bergamo. La segnalazione arriva da un gruppo di genitori in concomitanza dell’inizio dell’anno scolastico, visto che oltre a essere una zona densamente popolata, l’area ospita diverse istituzioni scolastiche.

In una lettera inviata alla redazione di Bergamonews, fanno sapere che “così come appare da un semplice colpo d’occhio e da viste aeree facilmente reperibili in rete come Google Maps, sembra concentrarsi una moltitudine di tetti e comignoli apparentemente in amianto. Dalle immagini satellitari – spiega la lettera – non sembra che vi siano altri quartieri o zone con questa numerosità di ‘coperture bianche’. La cosa che sorprende ancor di più è che queste coperture siano di pertinenza di edilizia privata e non industriale come invece ci si potrebbe aspettare”.

In particolare i genitori fanno notare che a pochi metri di distanza da alcune scuole e negli spazi aperti di loro pertinenza, sorgono unità immobiliari i cui tetti risultano ‘sospetti’. Gli alunni che proprio in questi giorni torneranno sui banchi di scuola e nei cortili, sia nel tragitto verso casa sia nelle ore di attività all’aperto, potrebbero inalare fibre volanti di amianto separatesi dalle coperture”.

“Si tratta di amianto? – si chiedono i genitori -. In che condizioni? Qual è ad oggi la presenza di questo killer silenzioso nei palazzi della città? Qual è lo stato di conservazione dell’amianto presente? Qual è l’impatto economico dello smaltimento e della sostituzione? Nel caso si trattasse di amianto, naturalmente, auspichiamo che tale situazione venga gestita come prescrive la legge, con la massima attenzione e premura”.

Nel giugno 2017 Bergamo ha dato il via a una mappatura con l’ausilio dei droni per verificare lo stato di degrado delle coperture in eternit: “I risultati ci verranno consegnati tra poche settimane – fa sapere l’assessore all’Ambiente del Comune di Bergamo, Leyla Ciagà -. L’obiettivo del progetto è quello di avere una visione completa della situazione, per poi individuare delle priorità d’intervento. Per quanto riguarda la segnalazione, i nostri uffici erano già stati informati lo scorso maggio: abbiamo già fatto tutti gli avvii di procedimento e tutti i privati interessati stanno ottemperando alla rimozione o alla rivalutazione, come previsto dalla legge. Alcuni di loro avevano già smaltito, altri lo stanno facendo in questo periodo e altri hanno programmato la bonifica nel 2019 in quanto lo stato di degrado dell’amianto non richiede immediato intervento. Si deve valutare caso per caso lo stato di conservazione delle coperture: il fatto che ci si trovi vicino alle scuole abbassa ovviamente la soglia di allarme, in base a un algoritmo matematico stabilito da Regione Lombardia. Ricordo, inoltre, che il Comune di Bergamo ha fatto una convenzione con tre aziende del territorio per la rimozione, a prezzo concordato, delle coperture in amianto”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it