• Abbonati
Viabilità

Dopo Calusco, stop ai mezzi super pesanti anche sul ponte di Brivio

Il primo provvedimento riguarda il divieto di transito ai mezzi superiori alle 44 tonnellate

Dopo la chiusura del ponte San Michele tra Calusco d’Adda e Paderno (chiuso al traffico automobilistico e ferroviario dalle 22 di venerdì 14 settembre in seguito ai rilevamenti anomali riscontrati da Rfi) anche il ponte di Brivio è tenuto sotto stretta osservazione.

Il primo provvedimento è stato firmato in queste ore e riguarda il divieto di transito ai mezzi pesanti superiori alle 44 tonnellateLa decisione è stata presa nel corso del vertice che si è tenuto nella mattinata di lunedì 17 settembre in Prefettura a Lecco (guarda qui).

In sintesi, verrà ridotto ulteriormente il carico consentito sul viadotto di Brivio. I mezzi più pesanti dovranno presumibilmente deviare verso il ponte Cesare Cantù tra Olginate e Calolzio. Il tutto, ovviamente, al fine di preservare la sicurezza di migliaia di automobilisti.

Del resto, ai tanti che ogni mattina congestionano le strade della Brianza si è aggiunto l’esercito dei 30 mila che fino a venerdì utilizzavano il San Michele; senza contare gli oltre 20 mila pendolari che per spostarsi utilizzano la linea Milano-Bergamo via Carnate.

Il prefetto di Lecco ha già annunciato un nuovo incontro per i prossimi giorni.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
ponte paderno
La pendolare
Lo sfogo: “Dopo la chiusura del ponte per me un’odissea arrivare al lavoro”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI