BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Senza stipendio da mesi, presidio davanti alla Regione dei dipendenti SuperDì e IperDì

È intervenuto il consigliere segretario Giovanni Malanchini (Lega), che ha incontrato i lavoratori del gruppo presente nella Bergamasca con tre punti vendita ad Antegnate, Stezzano e Treviglio.

Nella giornata di giovedì 13 settembre, in occasione dell’audizione in Commissione Attività Produttive di Regione Lombardia, è stato organizzato un presidio dei lavoratori e delle lavoratrici dei supermercati del gruppo SuperDì e IperDì davanti a Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale.

Nel merito è intervenuto il consigliere segretario Giovanni Malanchini (Lega), che ha incontrato i lavoratori del gruppo presente nella Bergamasca con tre punti vendita ad Antegnate, Stezzano e Treviglio.

“Siamo molto preoccupati per la situazione in cui si trovano i lavoratori del Gruppo Gca, in quanto non è ancora dato sapere cosa sarà del loro futuro: gli scaffali dei supermercati si sono svuotati, le forniture sono cessate e i dipendenti non ricevono da un paio di mesi gli stipendi. Dal canto loro i sindacati, dopo mesi e mesi di trattative per la vendita di parte delle filiali ritenute oggi non più sufficienti a rassicurare i dipendenti del gruppo, hanno proclamato lo stato di agitazione. Da parte di Regione Lombardia, che oggi è riuscita ad avviare un confronto tra le parti, la guardia resta alta, così come – conclude Malanchini – l’impegno a fare quanto ci è possibile affinché venga garantito un futuro agli oltre mille lavoratori lombardi del gruppo”.

Al presidio contro l’azienda proprietaria delle insegne, la Gca Generalmarket, hanno aderito i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs. 

“I lavoratori sono da due mesi senza stipendio, con un futuro assolutamente incerto” spiega Alberto Citerio, segretario generale della Fisascat Cisl Bergamo.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.